Che il calcio moderno sia oramai in mano alle televisioni è evidente, un dato di fatto ineluttabile contro cui sarebbe anche stupido (e deleterio) combattere e reagire. Però, dal gestirne comunque l'influenza al lasciarsi trasportare dai flutti del business catodico a discapito di tutto e di tutti, cullando i propri interessi, vi è un mondo da esplorare. Cosa che non ha avuto alcuna intenzione di fare la Juventus che si è donata al mercato asiatico senza se e senza ma.

La Vecchia Signora si concederà senza freni ai propri nuovi tifosi orientali, abbracciando indiscriminatamente l'Asia, dall'Indonesia alla Cina, ripetutamente, alle 15 ore italiane, durante il campionato appena iniziato. Ore 15 da noi che significano primetime in Oriente, ore 20 o 21, un orario perfetto per essere vista e apprezzata dal maggior numero di persone durante le sue performance sul campo.

L'accordo con la Lega, le partite alle 15 e alle 12.3o

Il tutto, in accordo con la Lega Calcio che ‘sfrutterà' la Vecchia Signora per amplificare ancor più il proprio prodotto calcistico, sempre più ambito dai nuovi mercati e che sta cercando qualsiasi strada lecita per rendersi ancor più appetibile. E farlo, con il consenso della Juventus, ha fatto nascere un mix che renderà felici tutti (e due) per nuove entrate quasi già certificate. Il calendario prossimo venturo dei bianconeri è la prova dell'accordo con la Lega: contro Fiorentina (14 settembre), Lecce (26 ottobre), Atalanta (23 novembre) e in casa con la Spal (28 settembre) e l'Udinese (15 dicembre) la Juventus giocherà sempre alle 15. Inoltre, il 1° dicembre la Vecchia Signora ospiterà il Sassuolo allo Stadium nel lunch match delle 12.30.

Il ‘piano' di rientro delle mancate plusvalenze

Un campionato che, di fatto, si piega alle esigenze dei Campioni d'Italia in carica, che potranno mostrare le proprie gesta e quelle dei campioni come Cristiano Ronaldo, de Ligt, Dybala e Bonucci, già idoli delle folle juventine dagli occhi a mandorla. Un vero e proprio ‘piano' economico che servirà ai bianconeri anche per rientrare il prima possibile dai circa 100 milioni di mancate plusvalenze dell'ultimo mercato estivo dove c'è stato più di un problema nella cessione di diversi giocatori (Higuain, Rugani, Dybala, Mandzukic, Emre Can).

Jeep investirà 50 milioni, follower +70% sui social

Adesso però, tutto sembra essere predisposto perché la Vecchia Signora mostri le sue bellezze in Oriente davanti ad un pubblico più vasto ed interessato possibile e che porterà Jeep a garantire con il prossimo rinnovo, 50 milioni all'anno (ora ne versa 16 più bonus), mettendosi alla pari dell'Adidas. Senza dimenticare l'effetto social, con l'amplificazione del marchio Juve ad un pubblico quasi sterminato sul web dove l'approdo di Cr7 in bianconero ha fatto scattare verso l'alto il numero complessivo dei follower sugli account ufficiali (quasi un +70%)