E' la seconda vittoria di fila dopo 8 sconfitte e un pareggio nelle ultime 11 giornate di campionato che avevano fatto precipitare il Brescia in piena zona retrocessione. Adesso, con il successo netto sul Lecce per 3-0 le Rondinelle possono respirare in attesa di capire cosa accadrà domenica con il resto del palinsesto e avversarie impegnate. Al Rigamonti sono arrivati anche gli applausi per Balotelli e compagni che hanno chiuso il match già nel primo tempo (con Chancellor e Torregrossa) per poi chiudere i conti nella ripresa con Spalek.

La sfida per uscire dalla zona rossa

Parte forte il Brescia del Corini Bis che punisce il Lecce alle prime occasioni utili in un primo tempo che parla lombardo e non solo per le due reti siglate. Per 20 minuti la gara resta in perfetto equilibrio e senza grandi emozioni. Da un lato Balotelli fa reparto con Torregrossa mentre Donnarumma si accomoda in panchina, dall'altra c'è il rientro dalla squalifica di Lapadula che ha il compito di tenere alto il Lecce insieme a La Manita nel 4-4-1-2 di Liverani.

Primo squillo: Balotelli su punizione

Il primo schiocco arriva da parte dei padroni di casa al 25′ per opera di Balotelli: con una punizione velenosa prova la via diretta al gol ma c'è Gabriel sulla traiettoria che devìa lontano dalla propria porta salvando i salentini. Poco dopo Corini è costretto al primo cambio forzato: esce l'infortunato Ndoj per Spalek.

Prima Chancellor, poi Torregrossa: Brescia al raddoppio

Ma è ancora il Brescia a fare la partita: il gol arriva al 32′ quando Chancellor segna grazie ad una potente conclusione che fulmina il portiere del Lecce per l'1-o delle Rondinelle. La reazione salentina non c'è, i giallorossi non riescono a prendere le misure ai padroni di casa e così al 44′ arriva un meritato raddoppio: Gabriel la combina grossa, Torregrossa ne approfitta e infila la palla del 2-0 con cui si va negli spogliatoi.

Il Lecce subisce ancora

Nella ripresa continua l'assolo del Brescia: dopo due minuti Gabriel si deve superare per evitare il tris dei padroni di casa (anche se l'azione viene fermata per offside), poi Balotelli dalla distanza fa la barba al palo con i salentini incapaci di reagire. Sono i presagi di un pomeriggio difficile per gli ospiti che perdono per infortunio anche Majer.

Tris Brescia: Spalek a segno

Intanto il Brescia sfonda per la terza volta travolgendo la difesa leccese: questa volta è Spalek a festeggiare con una rete che conclude alla perfezione una ripartenza approfittando della pessima disposizione in campo della difesa giallorossa con il povero Gabriel impossibilitato nell'evitare il peggio.

Reazione Lecce, inefficace

La luce per il Lecce si accende solo nei 20 minuti finali, quando Liverani mette mano all'attacco inserendo oltre a Farias anche Babacar e Falco. Proprio quest'ultimi due mettono in difficoltà la retroguardia bresciana, impegnando Alfonso