Dopo gli anticipi del sabato, che hanno visto la Spal, l'Hellas e il Milan raccogliere 3 punti importanti; e la terza affermazione consecutiva della Fiorentina, battuta l'Udinese nel lunch match; sono arrivati gli altri verdetti della settima giornata della Serie A 2019/2020 prima di Torino-Napoli (0-0) e del big match tra Inter e Juventus (1-2). Tanti goal nelle gare delle ore 15:00 (10, di cui 4 fuori casa), dove sono arrivati due pareggi per le romane e la vittoria interna dell'Atalanta, che si affaccia in testa alla classifica: la Roma non è riuscita a dare continuità al sacco di Lecce, pareggiando 1-1 in casa col Cagliari; mentre la Lazio torna da Bologna con un punto dopo essere andata sotto per due volte e aver sprecato un rigore nei minuti finali. La Dea ha travolto il Lecce alla prima nella nuova casa ed è seconda in classifica: al Gewiss Stadium la squadra di Gasperini ha vinto per 3-1 e ha bagnato nel miglior modo possibile il ritorno a Bergamo.

Atalanta devastante: Lecce battuto 3-1, terzo posto blindato

Il primo impatto della Dea con lo stadio ristrutturato è devastante: l'Atalanta ha battuto in maniera netta il Lecce per 3-1 grazie alle reti di Zapata, Papu Gomez e Gosens. Per il colombiano è il sesto centro in 7 gare e la sua uscita dal campo, per far posto a Muriel, è stata accompagnata da una lunga standing ovation mentre l'argentino ha trovato la seconda rete consecutiva dopo quella al Sassuolo di sette giorni fa.

Per capire il dominio della squadra di Gasperini, basta notare come nella prima frazione gli orobici hanno effettuato 14 tiri verso la porta avversaria: si tratta del record per il torneo in corso. A riportare questo dato è Opta. All'inizio della ripresa è arrivato il terzo sigillo stagionale per Robin Gosens, che sembra essere molto più concreto sotto porta rispetto alla scorsa stagione. Nel finale i salentini hanno accorciato le distanze con Lucioni, rendendo meno duro il passivo finale. I bergamaschi blindano la terza posizione.

La Roma non brilla, col Cagliari finisce 1-1

La Roma non brilla e all'Olimpico finisce 1-1 con il Cagliari. Sono i sardi a passare in vantaggio con un calcio di rigore Joao Pedro, assegnato dopo aver rivisto al VAR il tocco di braccio di Mancini; ma i giallorossi hanno trovato il pari dopo pochi minuti grazie ad un'autogoal di Ceppitelli su cross rasoterra dalla destra di Kluivert. Nella ripresa la squadra di Fonseca ha provato a conquistare il bottino pieno ma gli assalti finali non sono bastato per portare a casa i 3 punti. Nei minuti finali è  stato annullato un goal a Kalinic per un fallo in attacco. Dopo il triplice fischio polemiche e sanzioni per il tecnico giallorosso e Nuno Romano, uno dei suoi assistenti. Infortunio per Amadou Diawara, costretto a lasciare il campo al 30′ del primo tempo: la situazione del centrocampista giallorosso sembra piuttosto seria.

 

Immobile è infallibile, Correa no: Bologna-Lazio finisce 2-2

Goal e spettacolo per il pubblico del Dall'Ara che, dopo aver salutato il ritorno in panchina di Sinisa Mihajlovic, ha potuto assistere ad un match davvero divertente. Rossoblù avanti due volte con Krejčí, ottimo assist di Orsolini, e Palacio ma i capitolini possono contare sulla vena realizzativa di Ciro Immobile, che infila per due volte Skorpski e con questa doppietta fa 7 goal in 7 giornate di campionato.

Nella ripresa è stato annullato, giustamente, un goal a Svanberg per offside attivo di Danilo e c'è da mettere a referto le espulsioni di Lucas Leiva, per doppio giallo, e Gary Medel, per fallo da ultimo uomo. Nel finale i ragazzi di Simone Inzaghi hanno sprecato un calcio di rigore concesso per fallo di Palacio su Acerbi: sul dischetto si è presentato Joaquìn Correa ma El Tucu ha centrato la traversa e la gara si è chiusa in parità.

 

Risultati e classifica

Risultati: Atalanta-Lecce 3-1, Bologna-Lazio 2-2, Fiorentina-Udinese 1-0, Genoa-Milan 1-2 (ieri), Inter-Juventus ore 20.45, Roma-Cagliari 1-1, Spal-Parma 1-0 (ieri), Torino-Napoli ore 18.00, Verona-Samp 2-0 (ieri), Brescia-Sassuolo rinviata al 18/12.

Classifica: Inter 18 punti; Juventus e Atalanta 16; Roma e Napoli 12; Cagliari, Lazio e Fiorentina 11; Bologna, Torino, Milan, Verona e Parma 9; Udinese 7; Sassuolo, Brescia, Spal e Lecce 6; Genoa 5; e Sampdoria 3.