Prima della partita tra il Valencia e il Barcellona ci sono stati violentissimi scontri tra tifosi. Vere e proprie scena di guerriglia urbana hanno proceduto la partita più importante di questo weekend della Liga. Gli scontri sono avvenuti nei pressi dello stadio Mestalla e hanno coinvolto i gruppi ultras Yomus e Boixos Nois. Un tifoso del Barcellona sarebbe stato arrestato, una sessantina invece i supporters indicati.

Scontri prima di Valencia-Barcellona

Non è un periodo facile per il calcio spagnolo che ancora una volta vede degli scontri prima di una partita, dopo quelli che hanno preceduto Espanyol-Athletic Bilbao ci sono stati quelli tra i tifosi di Valencia e Barcellona. Tra le tifoserie dei ‘Pipistrelli' e dei blaugrana c'è una rivalità molto forte, e per questo le forze delle ordine in massa si sono presentate al Mestalla, ma ciò non è bastato per evitare la battaglia in strada tra i tifosi più violenti di entrambe le squadre. Ci sono stati lanci di oggetti, bengala e anche bastonate tra gli Yomus del Valencia e i Boixos Nois del Barcellona. Fortunatamente non ci sarebbero feriti. La polizia locale ha identificato una sessantina di tifosi catalani, e pare che da Barcellona ne siano arrivati oltre 120 senza biglietto, uno di questi è stato arrestato.

Il Barcellona ha commentato gli incidenti di Valencia

Il club catalano, secondo quanto riferito da ‘Marca', avrebbe commentato gli incidenti alla ‘ESPN' dicendo di non avere niente a che fare con i ‘Boixos Nois' che si sarebbero spostati a Valencia da soli senza l'aiuto del club che non avrebbe dato loro nemmeno i biglietti per assistere alla partita. La fonte anonima del Barcellona fa sapere che i gruppi ultras sono fuori dal controllo della società, in particolar modo questo dei ‘Boixos Nois' che già lo scorso anno provocarono degli incidenti a Madrid in occasione della partita di campionato con il Rayo Vallecano.