Sampdoria-Fiorentina e Milan-Genoa: due partite che avrebbero dovuto regalare gioia e divertimento a molti tifosi, ma che invece sono state rimandate a data da destinarsi. In seguito al drammatico crollo del ponte Morandi, la tifoseria viola si era mobilitata e aveva deciso di non seguire la squadra di Pioli nella trasferta di Genova. Dopo la scelta dei tifosi del Grifone, che avevano già comunicato la loro assenza nel terzo anello di San Siro, sono dunque arrivati anche gli ultrà delle curve Fiesole e Ferrovia: decisi a rispettare il silenzio di fronte alla tragedia che ha colpito il capoluogo ligure.

"Domenica la tifoseria viola non presenzierà alla trasferta di Genova, a prescindere dal rinvio o meno della partita. Silenzio e rispetto – si legge nel comunicato redatto dalle due curve – Con queste poche righe vogliamo esprimere la nostra vicinanza alle famiglie delle vittime del crollo del Ponte Morandi. Il dolore per questa tragedia non richiede che si giochi una partita di calcio, pertanto non aspettiamo la decisione della Lega".

Il rinvio delle partite di Sampdoria e Genoa

A pochi minuti dalla notizia del comunicato della tifoseria toscana, è però arrivato l'annuncio ufficiale della Lega di Serie A: Sampdoria-Fiorentina e Milan-Genoa non si giocheranno. "Il Presidente della Lega Serie A, viste le richieste di rinvio delle proprie partite, programmate per domenica 19 agosto alle ore 20.30, da parte delle Società Genoa e Sampdoria, in conseguenza della tragedia che ha colpito la città di Genova, e raccolto il parere favorevole da parte delle Società Milan e Fiorentina, dispone il rinvio a data da destinarsi degli incontri Sampdoria-Fiorentina e Milan-Genoa. Le date dei recuperi delle due partite verranno comunicati nei prossimi giorni nel rispetto delle norme regolamentari in vigore".