La Serie A italiana ci sta mostrando, giornata dopo giornata, un elevato quantitativo di giocatori che prima dell’inizio della regolare stagione ignoravano l’esistenza. Giovani, esperti o alle prime armi, fra i tanti, abbiamo notato come Amir Rrahmani, difensore kosovaro del Verona, si stia distinguendo per numero di duelli aerei vinti. Il centrale degli scaligeri ha infatti battuto la concorrenza, ad oggi, di gente come Milinkovic Savic, Dzeko e anche Lukaku, centrocampisti e attaccanti di tutto rispetto che però al momento non riescono a competere con il difensore della squadra allenata da Juric. Andiamo dunque a vedere nel dettaglio il numero di duelli aerei vinti da questi calciatori evidenziandone i numeri. Davvero sorprendete questo primato.

I numeri di Rrahmani: una sorpresa in Serie A

Una stagione importante e un Verona lanciatissimo nelle zone nobili della classifica. Sono questi i risultati al momento raggiunto da Amir Rrahmani e da tutto questo sorprendente Verona. La squadra di Juric, ad oggi, naviga a 18 punti in classifica, frutto dell’ultimo successo sulla Fiorentina al ‘Bentegodi’ di domenica scorsa. Domani ci sarà la Roma in una gara importante che anche il difensore kosovaro vorrà giocare così come fatto fino ad ora: con attenzione e determinazione. Già, proprio quella determinazione che mette anche nell’affondare con decisione nei duelli aerei, che ad oggi lo vede al primo posto per averne vinti 50. Un numero importante per un giocatore che ad inizio stagione era un perfetto sconosciuto nel massimo campionato italiano.

Milinkovic-Savic si tiene stretta la seconda posizione

Uno dei migliori colpitori di testa da sempre con una grande determinazione nel riuscire ad andare in gol. Di Milinkovic-Savic di certo non ci sorprendiamo oggi dopo aver visto negli anni passati le sue performance con la maglia della Lazio. Per il difensore serbo infatti, c’è il secondo posto in classifica per numero di duelli aerei vinti: ben 49, ad uno solo dallo stesso Rrhamani. In tal senso sarà importante la gara odierna del centrocampista biancoceleste per provare a recuperare o almeno agguantare il difensore del Verona. Un rendimento che conferma un flebile rilancio del giocatore dopo una scorsa stagione sicuramente al di sotto delle sue enormi capacità e qualità.

Dzeko-Lukaku: la coppia d’attacco interista mancata sul podio

Uno terzo e l’altro quarto, distaccati di pochi duelli aerei vinti, ma pur sempre vicini. Stiamo parlando, rispettivamente, di Edin Dzeko e Romelu Lukaku, due dei più grandi attaccanti del massimo campionato italiano che anche quest’anno si stanno distinguendo per gol e prestazioni eccellenti in campo. Specie il belga che sta trascinando l’Inter di Conte sia in campionato che in Champions, specie dopo l’ultimo esaltante exploit di Praga. Ma l’ex United deve accettare la quarta posizione con 45 duelli aerei vinti, proprio perché chi lo precede, il bosniaco, è a 47. Sintomo di importanza vitale del loro fisico nel gioco dei rispettivi allenatori e di un sacrificio notevole per la squadra. E pensare che i due sembrano poter mettere insieme la coppia d’attacco della nuova Inter di Conte prima che la trattativa che avrebbe dovuto portare Dzeko in nerazzurro avesse una brusca frenata fino a farla saltare definitivamente.

Al quinto posto chiude Kucka (primo per duelli aerei totali)

Chiude questa insolita top 5 Juraj Kucka. Un giocatore che fin dai tempi del Genoa si era sempre riuscito a distinguere per decisione nei contrasti, determinazione e concentrazione. Preciso e puntuale nei suoi inteventi, è diventato, dallo scorso anno, imprescindibile nel centrocampo di D’Aversa. Attualmente detiene il primato come numero di duelli aerei totali in campionato con un numero pari a 81, ma di vinti ce ne sono soltanto 44, uno in meno rispetto a Lukaku. Ma Kucka però, a differenza di chi lo precede, ha giocato soltanto 9 gare. E questo fa capire di che razza di giocatore stiamo parlando, capace di raggiungere questi numeri con ben 4 partite in meno giocate. Davvero devastante e convincente in più occasioni.