Il Var continua a far discutere. A poche ore dalle dichiarazioni sopra le righe di Michel Platini, che da Fabio Fazio non ha usato giri di parole per commentare la tecnologia applicata al calcio, anche durante l'incontro andato in scena all'Hotel Parco dei Principi di Roma, nel quale erano presenti capitani, allenatori e arbitri, il Video Assistant Referee non ha mancato di accendere discussioni e polemiche.

Per cercare di rispettare l'obiettivo del presidente federale Gravina, che è stato il promotore di questo incontro organizzato per favorire la conoscenza del protocollo Var, il designatore Rizzoli ha preso in esame e analizzato gli episodi più controversi delle prime giornate di campionato: compreso quello del rigore per la Roma, causato dal tocco con il braccio di Callejon, fischiato durante la sfida dell'Olimpico valevole per l'undicesima giornata di Serie A.

Le voci del Var e la stizza di Ancelotti

Nell'audio che Rizzoli ha fatto ascoltare ai capitani e agli allenatori presenti in sala, si sentono le voci degli assistenti del direttore di gara (in quella situazione specifica era Rocchi), dialogare con l'arbitro di fronte alle varie riprese televisive del tocco con il braccio dello spagnolo: un colloquio fitto, che alla fine si conclude con gli assistenti al Var che invitano Rocchi a visionare le immagini a bordo campo.

Un episodio che rimane tuttora controverso per Ancelotti: uno degli ospiti di questa importante riunione. Il tecnico partenopeo è stato tra l'altro protagonista di un botta e risposta piccato con lo stesso Rizzoli. "Avete sbagliato in Napoli-Atalanta?", ha chiesto l'allenatore. "Si andava interrotto il gioco", ha risposto Rizzoli. "Ok dopo questo posso anche andare via. Mi basta sapere che avete sbagliato. Il problema principale è chi arbitra le partite. A volte l’impressione è che le partite vengano decise dal Var, ma secondo me è l’arbitro che deve decidere", ha aggiunto non senza polemica il mister campano.