Roma-Lazio 1-2

La Lazio grazie ad una rete di Stefano Mauri si è aggiudicata il secondo derby stagionale. Una partita messasi  subito in discesa per i biancocelesti grazie all'espulsione del portiere Stekelenburg dopo pochissimi minuti di gioco: un provvedimento che ha costretto i giallorossi a giocare in 10 per gran parte del match. Una sfida come al solito molto intensa, nella quale alla fine l'hanno spuntata gli uomini di Reja che probabilmente hanno eliminato i cugini dalla lotta per la Champions League.

Borini risponde ad Hernanes nel primo tempo – Dopo soli 7 minuti è arrivata la prima svolta importante del derby con l’espulsione di Stekelenburg e il rigore per la Lazio: il portiere olandese ha messo giù Klose lanciato a rete, guadagnandosi gli spogliatoi per fallo da ultimo uomo (Luis Enrique ha sostituito Lamela con il secondo portiere Lobont). Sul dischetto Hernanes non ha fallito portando in vantaggio i biancocelesti. Paradossalmente però a quel punto è stata la Roma, seppur in inferiorità numerica, ad essere padrona del campo. Al 16° i giallorossi hanno trovato il pareggio con il solito Borini abile a ribadire in rete un pallone che Juan da posizione defilata ha calciato sulla traversa: inutile il tentativo di Gonzalez di ricacciare la palla fuori dalla porta, il guardalinee ha segnalato a Bergonzi il gol romanista.

Un gol di Mauri decide il derby  – Nella ripresa la Roma è crollata fisicamente dopo aver giocato più di 80 minuti con l’uomo in più. Nemmeno la fortuna ha assistito Luis Enrique che è stato costretto a perdere Pjanic per infortunio, al suo posto Marquinho e Juan che ha stretto i denti fino al 77°, pur essendosi infortunato molti minuti prima al ginocchio (il brasiliano è stato tra l’altro vittima di cori razzisti dei tifosi biancocelesti). La vera doccia fredda per la Roma è arrivata però al 62° con Mauri che sugli sviluppi di una punizione in tuffo ha battuto Lobont  riportando in vantaggio i suoi. Un gol che alla fine dei giochi è risultato decisivo, nonostante un finale incandescente con l’espulsione di Scaloni, l'assalto giallorosso e le proteste della Roma per alcune decisioni controverse di Bergonzi.

Il tabellino di Roma-Lazio 1-2

ROMA (4-3-1-2): Stekelenburg; Josè Angel, Juan (32’st Bojan), Heinze, Taddei; Simplicio, De Rossi, Pjanic (12’st Marquinho); Totti; Lamela (9’pt Lobont), Borini. A disp: Kjaer, Rosi, Piscitella, Greco. All. Luis Enrique.

LAZIO (4-2-3-1): Marchetti; Scaloni, Biava, Dias, Garrido; Ledesma, Matuzalem; Gonzalez, Hernanes (42’st Diakité), Mauri (40’st Alfaro,); Klose. A disp.: Bizzarri, Sbraga, Zampa, Candreva, Kozak. All.: Reja.

Arbitro: Bergonzi di Genova

Marcatori: 10’ pt rig.Hernanes (L), 16’ Borini (R), 63’ Mauri (L)

Ammoniti: Heinze, Borini, Bojan, Totti (R), Matuzalem, Biava, Mauri, Diakité (L)

Espulsi: Stekelenburg (R), Scaloni (L)