Dopo ore particolarmente movimentate, a causa dell'annuncio dell'addio di Daniele De Rossi, la Roma frena a Reggio Emilia con il Sassuolo e vede allontanarsi il sogno di piazzarsi al quarto posto: ad oggi di proprietà dell'Atalanta di Gasperini. Nei novanta minuti del "Mapei", spesso accompagnati dai pesanti cori dei tifosi giallorossi nei confronti di James Pallotta, la squadra di Ranieri ha cercato il successo con più insistenza rispetto all'avversario (specialmente nella ripresa) ma non è riuscita a bucare l'attenta difesa neroverde. A quota 63 punti in classifica e con l'ultima in casa con il Parma, la Roma deve ora sperare in un doppio passo falso di Milan e Atalanta per continuare a credere nel quarto posto.

De Rossi in panchina

La Roma deve vincere per continuare a coltivare sogni Champions, il Sassuolo vuole invece chiudere in bellezza il suo campionato. Sul terreno bagnato dalla pioggia del "Mapei", è la squadra di Claudio Ranieri a partire meglio e a farsi subito pericolosa con un tiro di Under deviato da Consigli. Tra i giallorossi non figura Manolas (al suo posto gioca Juan Jesus), mentre Zaniolo è regolarmente in campo. Daniele De Rossi segue dalla panchina la partita dei compagni: sempre bravi a comandare il gioco, ma mai realmente pericolosi nell'area neroverde. Il Sassuolo accetta di difendersi e ripartire, anche perché non ha in cabina di regia Stefano Sensi: rimasto a casa per infortunio, insieme allo squalificato Bourabia. In attacco, insieme a Boga e Berardi, c'è Djuricic. Ed è proprio del serbo l'unica palla gol degli emiliani, che Mirante disinnesca al 46esimo con una deviazione in angolo.

Il palo salva il Sassuolo

Il secondo tempo lo inizia meglio la formazione di De Zerbi. Dopo un primo tempo sotto ritmo, i giallorossi rispondono però all'avvio neroverde sfiorando la rete in più occasioni: prima con El Shaarawy al 57esimo, poi con Dzeko (palo esterno) e con Cristante, sul quale salva Consigli in tuffo. Rispetto ai primi 45 minuti, per i pochi spettatori sugli spalti c'è ora uno spettacolo decisamente più divertente, con due squadre che giocano con più aggressività e con voglia di vincere. Specialmente quella di Ranieri, che decide di dare una scossa ai suoi al 20esimo della ripresa: dentro Kluivert e Pastore, fuori Under e Zaniolo. I giallorossi sono anche sfortunati alla mezzora, quando è il palo a salvare Consigli dopo un rimpallo in area dei padroni di casa. Nell'assalto finale, che vede protagonista in campo anche Perotti, la Roma trova solo un gol  annullato di Fazio, servito da Dzeko in evidente posizione di fuorigioco, e termina la sfida del Mapei con un pareggio che di fatto l'allontana definitivamente dal quarto posto.