La Roma è afflitta dagli infortuni. Sin dall’inizio della stagione il tecnico Fonseca non riesce a contare su tutta la rosa. In questa settimana è stato operato al ginocchio il portiere Mirante che si aggiunge all’elenco degli infortuni, che comprende sempre Zaniolo, che in modo positivo e svelto sta continuando la riabilitazione. Tra i giocatori fuori per infortunio c’è anche il ‘Flaco’ Pastore, che ha un serio problema all’anca che il club sta cercando di risolvere.

Il problema all’anca di Javier Pastore

Non ha trovato mai la continuità con la Roma il centrocampista argentino che ora è alle prese con un problema all’anca. ‘La Gazzetta dello Sport’ scrive che Pastore non solo non riesce ad allenarsi ma non ce la fa nemmeno a compiere gesti abituali nella vita di tutti i giorni. Il giocatore è stato visitato da un medico spagnolo recentemente, ma presto si sottoporrà a un nuovo consulto che spera sia determinante per il suo problema all’anca. In un momento di difficoltà come questo, con fuori a turno oltre a Zaniolo, Pellegrini prima e Cristante poi per squalifica, Diawara ko per infortunio, e Mkhitaryan che spesso è ai box, Pastore sarebbe servito molto alla Roma.

Tanti infortuni e poche presenze con la Roma

Nell’estate di due anni fa la Roma prelevò Javier Pastore dal Paris Saint Germain, lo pagò 24,5 milioni. Sicuramente era stato un bel colpo, che non ha dato profitti. Nella passata stagione ha giocato appena 14 partite (3 gol) in campionato e complessivamente con i giallorossi è sceso in campo 23 volte in un anno e mezzo, pochissimo, per un totale di 1509 minuti, quelli che un calciatore può disputare in 17 partite. Il ‘Corriere della Sera’ ha fatto un rapido calcolo e ha scritto che Pastore è costato fin qui alla Roma 15.591 euro per ogni minuto giocato. A bilancio Pastore ha un peso di 11 milioni, 6 di ingaggio lordo e 5 di ammortamento.