Dopo la sconfitta di misura contro la Juventus all'Olimpico, Fonseca è comunque soddisfatto se non per il risultato che ha fermato la risalita in classifica dei giallorossi, per il gioco espresso nella seconda parte di gara e per la mentalità di non mollare mai, nemmeno dopo il 90′. Un approccio che ha confermato le qualità di una squadra che sta lottando oltre che con gli avversari di turno, anche con la sfortuna che sembra non volerla abbandonare. Il grave infortunio di Zaniolo nel primo tempo costringerà infatti la Roma a dover adattare altre contromisure da qui fino a fine stagione.

Orgoglioso della reazione

Fonseca si gode ciò che di buono ha portato la gara contro la Juentus, al di là del risultato: "Sono orgoglioso dei miei giocatori, abbiamo reagito alle avversità come volevo che fosse. E' vero, abbiamo commesso degli errori ma è da lì che si inizia a imparare e a crescere. Non abbiamo perso la fiducia dopo i due gol in 10 minuti e questo è un aspetto da sottolineare".

L'infortunio di Zaniolo

Poi, il pensiero a Zaniolo con il giocatore della Roma uscito dal campo in lacrime e in barella: crociato rotto per lui, operazione in vista e un lento recupero che però non gli permetterà di ritornare prima della fine della stagione e che rischia di fargli saltare anche il prossimo Europeo: "Il problema di Zaniolo è pesante per noi, ma ora deve pensare solo a recuperare velocemente. Siamo tristi, ma domani è un altro giorno e sicuramente si riprenderà".

Il gap iniziale di due gol in 10′

Contro la Juventus, la gara è iniziata in salita, ma col passare dei minuti è stata la Roma a prendere in mano la gara soprattutto nel finale. Purtroppo i primi 10 minuti sono risultati fatali: "Non è mai semplice giocare contro la Juve, inoltre in otto minuti abbiamo preso due gol facendo due regali. Poi siamo cresciuti, soprattutto in un secondo tempo in cui abbiamo pressato bene"