C'è stato qualche dubbio di troppo su Aaron Ramsey, giocatore di grande talento che la Juventus ha preso a costo zero pochi mesi fa. Il gallese ha fatto un po' di fatica a trovare posto in squadra, ma appena ha smaltito l'infortunio è diventato subito un giocatore indispensabile per Sarri che ha cambiato modulo per metterlo ulteriormente a proprio agio. Il centrocampista del 1990 in un'intervista ha esaltato Cristiano Ronaldo:

Mi ha accolto subito molto calorosamente: è uno dei più grandi calciatori di sempre, ma è anche un uomo semplice. Ha rotto subito il ghiaccio e mi ha fatto sentire a mio agio". 

Le differenze tra l'Arsenal e la Juve

Ramsey ha detto di non aver voluto rinnovare con i Gunners, perché in quel club c'era un po' di confusione, il centrocampista è felice della sua scelta. La Juventus è un ambiente familiare e il suo approccio è stato positivo, rispetto a quando firmò per l'Arsenal è molto più sicuro di sé:

Dodici mesi fa potevo prolungare all’Arsenal ma c’era molta confusione nel club. Lì stanno attraversando un momento di transizione, ma io ora ho una incredibile opportunità in un club enorme come la Juve: so cosa sono in grado di fare, devo solo dimostrarlo, anche se è stato frustrante stare fuori per infortunio. C'è un'aria familiare in tutto il club. Quando arrivai all'Arsenal avevo 17 anni, ero intimorito. Ora invece devo mettermi alla prova subito, ma gioco da tanto tempo: so cosa sono in grado di fare, e' solo questione di tempo.

"L'italiano mi serve anche per fare benzina"

Elogi per mister Sarri e soprattutto un impegno concreto. Ramsey ha detto di voler imparare l'italiano, che non gli serve solo per capire le indicazioni del tecnico e per dialogare con i compagni di squadra, ma gli serve anche per parlare con il benzinaio o per capire cosa dicono al ristorante:

Devo imparare la lingua, è estremamente importante. Tutte le riunioni tecniche sono in italiano, la maggior parte dei giocatori parla italiano. Ma non è solo per motivi calcistici: quando vai in un ristorante o fai il pieno, alcune persone non parlano inglese…. È importante parlare la loro lingua, impegnarsi davvero a capire la nuova cultura. Potrebbe volerci un po ‘di tempo, finora ho conosciuto le parolacce in allenamento, ma sto imparando il resto… Sarri? Finora è stato fantastico. Stiamo lavorando duramente per cercare di mettere in pratica le sue idee: a volte non hanno funzionato come avremmo voluto, ma in altre partite sì: stiamo lentamente comprendendo ruoli e responsabilità.

L'Inter è pericolosa

Nell'intervista rilasciata alla ‘BBC' Ramsey ha parlato anche dell'Inter, capolista e a punteggio pieno, che ha un grande allenatore, che ha lasciato un segno in Premier League, e che ha tanti calciatori, incluso l'ex compagno dei tempi dell'Arsenal Alexis Sanchez:

L’Inter è migliorata in questa stagione. Antonio Conte li ha davvero ben organizzati e non hanno ancora lasciato neanche un punto. Sarà difficile. Hanno dei giocatori fantastici, incluso uno che conosco molto bene dai tempi dell’Arsenal, Sanchez. Dovremo stare attenti a tutti i loro giocatori per ottenere il risultato che vogliamo.