La Coppa Italia ha una formula che è estremamente diversa da quelle della FA Cup e della Copa del Rey e per questo nelle ultime stagioni nell’ultimo atto del trofeo ci sono state unicamente le big della Serie A. Sarà così anche quest’anno, comunque andranno le semifinali (in programma il 12 e il 13 febbraio l’andata, e il 5 e il 6 marzo il ritorno) Inter-Napoli e Milan-Juventus.

Quando si giocherà la finale della Coppa Italia 2020

La Lega di Serie A quando ha reso noto il tabellone ha stabilito come data della finale il 13 maggio, un mercoledì. La partita si giocherà in gara unica, quindi in caso di pari al 90’ si andrà ai tempi supplementari e poi eventualmente ai calci di rigore. La finale della Coppa Italia si disputerà allo Stadio Olimpico di Roma, che ospiterà la finale per il tredicesimo anno consecutivo.

Perché potrebbe cambiare la data per la finale di Coppa Italia

Nelle ultime stagioni in un paio di occasioni è stata modificata la data della finale di Coppa Italia, è stato così anche nella passata stagione quando l’ultimo atto è passato dal 25 aprile al 15 maggio. Teoricamente potrebbe essere così anche in questa stagione, soprattutto se sarà ancora apertissima la lotta allo scudetto. Perché la finale di Coppa Italia ufficialmente si giocherà il 13 maggio e si disputerà nel rush finale del campionato, che si chiuderà domenica 24 maggio. E in linea teorica Inter e Juventus potrebbero ritrovarsi in finale di coppa e poi, a distanza, si potrebbero giocare il titolo (anche con la Lazio).

Quali potrebbero essere le possibili date alternative per la finale di Coppa Italia

Se la Lega di Serie A dovrà prendere in esame un possibile cambio di data sicuramente non potrà scegliere una data successiva al 13 maggio. Perché dal 20 di quel mese lo Stadio Olimpico sarà requisito dalla Uefa, a Roma si terrà la gara inaugurale dell’Europeo. Mentre si potrebbe teoricamente anticipare la finale, ma a patto che le squadre italiane impegnate nelle coppe europee siano fuori dalle rispettive manifestazioni, e cioè Juventus e Napoli in Champions e Inter in Europa League. Trovare una data alternativa comunque non è facile. Perché nel mese di aprile tutti i ‘martedì, i mercoledì e i giovedì’ sono occupati, quasi tutti dalle partite delle coppe, uno invece da un turno infrasettimanale di Serie A. Quindi per togliere dall’ambasce le eventuali squadre che lottano per lo scudetto da un ulteriore peso la Lega potrebbe anticipare la finale solo in caso di ko anticipati di Juve, Napoli e Inter in Europa. Insomma è ancora tutto da decidere. La sera del 6 marzo quando si sapranno i nomi delle due finaliste ci saranno più indizi, ma nessuna certezza.