Dopo la lesione di secondo grado al tendine del ginocchio sinistro, rimediata durante l'amichevole Brasile-Nigeria, Neymar è tornato in campo in occasione della sfida tra il Paris Saint-Germain e il Lille: match valido per la 14esima giornata di Ligue 1. Il ritorno del brasiliano sta però già facendo discutere, a causa del comportamento tenuto da Neymar al momento della sostituzione: arrivata, sotto la pioggia di fischi dei tifosi parigini, a 25 minuti dal termine e quando la squadra era già avanti per 2-0 dopo i gol di Icardi e Di Maria.

Al momento del cambio con Mbappé, il giocatore della Selecao è infatti uscito dal terreno di gioco prendendo direttamente la via degli spogliatoi senza salutare il tecnico e senza fermarsi in panchina con i compagni. Un gesto che a molti tifosi italiani ha ricordato quello di Cristiano Ronaldo al momento della sostituzione nella gara contro il Milan.

Il rapporto conflittuale con Tuchel

Dopo un'estate travagliata, nella quale ha fatto di tutto per lasciare Parigi e tornare in Spagna, Neymar ha nuovamente confermato di avere un rapporto difficile con Thomas Tuchel. La condivisione dello spogliatoio con il tecnico tedesco è infatti sempre più a rischio, come testimoniato dalle critiche dello stesso Tuchel al talento verdeoro: colpevole di essere volato a Madrid per seguire la Coppa Davis.

"Non sono suo padre, non sono la polizia, sono il suo allenatore e in quanto tale questo viaggio fatto proprio in questo momento non mi piace affatto – ha spiegato Tuchel prima della gara – Neymar è stato professionale nelle ultime settimane, in cui ha lavorato persino più di altri giocatori. Contro il Lille giocherà, ma non per novanta minuti". Detto, fatto. E la decisione di sostituirlo ha scatenato l'ennesima bufera.