La Serie A si prepara a tornare in campo dopo la sosta invernale. Squadre al lavoro in vista della 18esima giornata di campionato, in programma tra domenica 5 e lunedì 6 gennaio. Si riparte con Inter e Juventus appaiate in testa alla classifica, con Lazio e Roma a completare i primi quattro posti (occhio ai biancocelesti, con una partita da recuperare) e Napoli e Milan alla ricerca di una difficile rimonta verso la zona Champions. Tra infortunati, squalificati e volti nuovi (in panchina e in campo) il punto sulle probabili formazioni della prossima giornata. Spiccano le assenze di Mertens (infortunio) e il possibile debutto di Ibrahimovic nel Milan.

Brescia-Lazio

L'unico vero dubbio di Corini è legato a Ndoj, che potrebbe saltare la sfida con la Lazio a causa di un problema muscolare. Per il resto sono a disposizione tutti i titolari, con il tandem Balotelli-Torregrossa verso la conferma dal primo minuto. Simone Inzaghi dovrà fare i conti con i postumi della Supercoppa, ma con il sorriso ancora sulle labbra dopo il trionfo della sua Lazio contro la Juventus. I biancocelesti a Brescia dovranno fare a meno di Lucas Leiva e Luis Alberto, entrambi squalificati dopo i cartellini rimediati in Arabia Saudita. A centrocampo, dunque, spazio a Cataldi e Parolo. Davanti intoccabile il tandem Correa-Immobile.

  • Brescia (4-3-1-2): Joronen; Sabelli, Magnani, Chancellor, Mateju; Bisoli, Tonali, Ndoj; Romulo; Torregrossa, Balotelli
    Lazio (3-5-2): Strakosha; Luiz Felipe, Acerbi, Radu; Lazzari, Milinkovic-Savic, Parolo, Correa, Lulic; Caicedo, Immobile.

Spal-Verona

Il dilemma di Semplici in vista della delicata sfida con il Verona è sul giocatore da affiancare a Petagna in attacco: Paloschi o di Francesco? Favorito il primo, ma il secondo con buona probabilità potrà avere spazio a partita in corso. Juric dovrà fare a meno di Amrabat, fermato per squalifica: al suo posto fiducia a Pessina. Il grande ballottaggio è legato al posto da centravanti, con Di Carmine (favorito) in lizza con Pazzini e Stepinski. Le valutazioni continueranno fino a domenica.

  • Spal (3-5-2): Berisha; Tomovic, Vicari, Igor; Cionek, Murgia, Missiroli, Kurtic, Strefezza; Paloschi, Petagna.
    Verona (3-4-2-1): Silvestri; Rrahmani, Kumbulla, Gunter; Faraoni, Pessina, Miguel Veloso, Lazovic; Verre, Zaccagni; Di Carmine.

Genoa-Sassuolo

Prima partita da allenatore del Genoa per Davide Nicola, contro il Sassuolo, e un dubbio su tutti: l'assetto difensivo, se a tre o a quattro. Balla sostanzialmente un posto, con Biraschi in campo con la difesa a tre e Cassata in caso di caso di linea a quattro. Davanti Pandev e Favilli. Perin e Behrami sono stati a lungo provati nelle formazioni titolari La pausa natalizia ha restituito Consigli a De Zerbi, che contro il Genoa dovrebbe tornare a schierarlo tra i pali dopo l'alternanza tra Pegolo e il giovane Turati. Qualche dubbio in più sul recupero di Berardi: davanti intanto sono pronti Djuricic, Boga e Caputo.

  • Genoa (3-5-2): Perin; Biraschi, Romero, Criscito; Ghiglione, Behrami, Schone, Sturaro, Pajac; Pandev, Favilli
    Sassuolo (4-2-3-1): Consigli; Toljan, Romagna, Ferrari, Kyriakopoulos; Obiang, Locatelli; Boga, Duncan, Traoré; Caputo

Roma-Torino

Fonseca dovrebbe confermare in blocco la formazione che ha vinto a Firenze prima della sosta. Il dubbio principale è legato all'esterno che completerà la batteria dei trequartisti insieme a Zaniolo e Pellegrini: Perotti in vantaggio su Mkhitaryan. Diversi assenti per Mazzarri: su tutti gli squalificati Bremer e Ansaldi e l'infortunato Baselli. I primi due saranno rimpiazzati da Djidji e Laxalt, mentre in mezzo al campo è ballottaggio tra Meitè e Lukic. Davanti Verdi e Berenguer a supporto di Belotti.

  • Roma (4-2-3-1): Pau Lopez; Florenzi, Mancini, Smalling, Kolarov; Veretout, Diawara; Zaniolo, Pellegrini, Perotti; Dzeko.
    Torino (3-4-2-1): Sirigu; Izzo, Nkoulou, Djidji; De Silvestri, Lukic, Rincon, Ola Aina; Berenguer, Verdi, Belotti.

Bologna-Fiorentina

Mihajlovic ritrova Danilo in difesa, con Tomiyasu che scala sulla fascia destra. Tutti disponibili gli altri titolari per la sfida contro la Fiorentina: confermato il trio Orsolini-Soriano-Sansone alle spalle dell'unica punta Palacio. Prima partita dell'era Iachini in casa Fiorentina, ma si continuerà con il 3-5-2. Ancora fuori Ribery, davanti spazio alla coppia Chiesa-Vlahovic. L'unico altro dubbio di formazione è a centrocampo, con ballottaggio aperto tra Benassi e Badelj.

  • Bologna (4-2-3-1): Skorupski; Tomiyasu, Danilo, Bani, Denswil; Medel, Poli; Orsolini, Soriano, Sansone; Palacio.
    Fiorentina (3-5-2): Dragowski; Caceres, Milenkovic, Pezzella; Lirola, Benassi, Pulgar, Castrovilli, Dalbert; Chiesa, Vlahovic

Atalanta-Parma

Momento fantastico per Gasperini e la sua Dea: tutti a disposizione per la prima partita del 2020, compreso Zapata (che dovrebbe però partire dalla panchina). Da decidere chi andrà a completare il trio offensivo con Gomez e Ilicic: con Pasalic lo sloveno giocherebbe da prima punta, l'alternativa è Muriel. Una buona e una brutta notizia per D'Aversa: torna a disposizione Inglese (che contro l'Atalanta andrà in panchina), fuori causa Gervinho dopo l'infortunio rimediato prima della sosta. Per sostituirlo sarà avanzato Kucka nel tridente offensivo.

  • Atalanta (3-4-2-1): Gollini; Toloi, Palomino, Djimsiti; Hateboer, De Roon, Pasalic, Gosens; Ilicic, Gomez; Muriel.
    Parma (4-3-3): Sepe; Darmian, Iacoponi, Bruno Alves, Pezzella; Hernani, Scozzarella, Barillà; Kulusevski, Kucka, Sprocati.

Juventus-Cagliari

La Juve di Sarri riparte dopo la sconfitta in Supercoppa, costata (oltre che un trofeo) anche la squalifica di Bentancur: lo sostituirà Rabiot. C'è attesa soprattutto per le scelte in attacco, con il trio Dybala-Higuain-Ronaldo verso una nuova conferma dal primo minuto. Sarà un Cagliari in emergenza difensiva quello che farà visita alla Juventus: squalificato Pisacane e non al meglio Ceppitelli e Cacciatore. Con Pellegrini unico titolare, la linea a quattro sarà completata da Faragò, Walukiewicz e Klavan.

  • Juventus (4-3-1-2): Szczesny; Cuadrado, Bonucci, de Ligt, Alex Sandro; Rabiot, Pjanic, Matuidi; Dybala, Ronaldo, Higuain.
    Cagliari (4-3-2-1): Olsen; Cacciatore, Walukiewicz, Klavan, Pellegrini; Nandez, Cigarini, Rog; Nainggolan, Joao Pedro; Simeone.

Milan-Sampdoria

Il primo Milan di Ibrahimovic potrebbe essere proprio quello contro la Sampdoria. Per vedere lo svedese in campo bisognerà aspettare ancora? Non è detto perché nelle ultime ore sono salite le quotazioni per vederlo titolare al posto di Piatek. L'attacco della Samp, in vista della sfida con il Milan, ritrova Quagliarella ma perde Caprari, squalificato. L'infortunio di Ferrari in difesa spalanca le porte della formazione titolare a Murillo. Ranieri dovrà decidere tra Vieira e Linetty per un posto a centrocampo.

  • Milan (4-3-3): Donnarumma; Conti, Musacchio, Romagnoli, Hernandez; Kessié, Bennacer, Bonaventura; Suso, Ibrahimovic, Calhanoglu.
    Sampdoria (4-4-1-1): Audero; Bereszynski, Colley, Murillo, Murru; Depaoli, Ekdal, Vieira, Linetty; Ramirez; Quagliarella.

Lecce-Udinese

Fuori Calderoni per squalifica, al suo posto Liverani si affiderà a Dell'Orco. Lapadula rientra dalla squalifica e insidia subito il posto di Babacar nel ruolo di centravanti. Duello anche per l'altra maglia in attacco tra Falco e Farias. La pesante vittoria contro il Cagliari può valere la conferma per gli 11 titolari nella scorsa giornata: Gotti, in vista della partita contro il Lecce, è orientato a ribadire in blocco la formazione. Davanti ancora fiducia al tandem pesante Okaka-Lasagna.

  • Lecce (4-3-1-2): Gabriel; Rispoli, Lucioni, Rossettini, Dell'Orco; Petriccione, Tachtsidis, Tabanelli; Mancosu; Babacar, Falco.
    Udinese (3-5-2): Musso; De Maio, Ekong, Nuytinck; Stryger Larsen, Fofana, Mandragora, De Paul, Sema; Okaka, Lasagna.

Napoli-Inter

Grossi guai per Gattuso in vista dell'Inter: fuori Koulibaly e Maksimovic, gli unici due centrali a disposizione sono Manolas e Luperto. Di Lorenzo dovrebbe agire accanto al Greco con Hysaj nel ruolo di terzino destro. Fuori anche Mertens, il belga – già acciaccato – non è riuscito a recuperare. Sicché nel tridente offensivo insieme a Insigne e Milik – è testa a testa tra Callejon e Lozano (favorito lo spagnolo). Difficile vedere Barella titolare in mediana, al suo posto è pronto Vecino ma soprattutto si rivedrà Sensi dopo un lungo stop. Brozovic e Lautaro rientrano dalla squalifica e partiranno tra i titolari.

  • Napoli (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Luperto, Mario Rui; Allan, Fabian Ruiz, Zielinski; Callejon, Milik, Insigne.
    Inter (3-5-2): Handanovic; Godin; de Vrij, Skriniar; Candreva, Vecino, Brozovic, Sensi, Biraghi; Lautaro, Lukaku.