Una gara che ha poco da dire sulla carta con il Napoli e il Cagliari che hanno raggiunto già da tempo i rispettivi obiettivi: gli azzurri sono in Champions League confermando il secondo posto in campionato, i sardi si sono salvati tranquillamente per un altro anno in Serie A. La partita ne risente, il gioco c'è e anche i ritmi ma lo spettacolo e le occasioni da gol latitano soprattutto nel primo tempo. Nella ripresa è merito del Cagliari se accade qualcosa: al 60′ Pavoletti trova la rete dell'1-0 e sveglia il Napoli. Pressing e gioco azzurro che esaltano un ottimo Cragno bravissimo a salvare la propria porta finché il solito Mertens trova il pareggio. Poi, nel recupero accade di tutto: un tocco di mano viene rivisto al VAR e viene assegnato il rigore da Chiffi al Napoli tra le feroci proteste del Cagliari (rosso a Ionita): Insigne dal dischetto non sbaglia.

Mertens e Insigne dal primo minuto

Carlo Ancelotti opta ancora una volta con Mertens dal primo minuto in avanti insieme a Insigne, una coppia di piccoli, veloce e che cerca verticalizzazioni per mettere in difficoltà la difesa sarda. Centrocampo modificato con Verdi e Younes sui lati a dare spinte esterne. Risponde il Cagliari con in avanti la coppia formata da Pavoletti e Cerri mentre dietro milita Varella libero di gestire e di proporsi.

Solo Younes ci crede

Nel primo tempo le occasioni da gol si contano sulle dita di una mano, con il Napoli più presente in campo, a gestire i tempi di gioco. Ma in attacco non si sfonda quasi mai e il solo Younes ha l'occasione per sbloccare il risultato, in una gara in cui il pareggio nella prima parte è un risultato più che giusto.

Pavoletti rompe gli equilibri

Il torpore della ripresa si interrompe al 60′ per merito del Cagliari che ruba prima palla a centrocampo al Napoli e poi si presenta dal limite con una combinazione Barella-Pavoletti: diagonale preciso sul secondo palo vantaggio Cagliari e azzurri che devono destarsi per evitare la sconfitta interna. La reazione del Napoli c'è: un paio di minuti dopo Zielinski innesca il destro, ,a sulla ribattuta di Cragno si avventa Mertens che segna in fuorigioco.

Super Cragno salva il Cagliari

Nel finale c'è il solito forcing azzurro con il Cagliari chiuso a riccio nella propria area di rigore. Il ritmo si alza, il tasso tecnico degli uomini di Ancelotti fa la differenza ma il Napoli deve fare i conti con Cragno, il portiere dei sardi che compie un paio di miracoli salvando la propria porta.

Ci pensa Mertens

Alla fine il Napoli però riesce a passare: Insigne recupera un pallone sul calcio d'angolo, l'azione continua e il cross arriva puntuale da parte di Zielinski a Mertens che di testa schiaccia a due passi da Cragno, superando il portiere del Cagliari per un pareggio più che meritato.

Rigore col VAR, Insigne non sbaglia

Nei minuti finali succede di tutto: il VAR assegna un rigore al Napoli in pieno recupero per un tocco di mano che sembrava fuori area ma che la moviola ha mostrato essere almeno sulla linea dell'area di rigore. Feroci proteste del Cagliari (rosso a Ionita), inutili: sul dischetto va Insigne che segna, Cragno non riesce nell'ennesimo miracolo.