Sette punti. Un margine di differenza molto ridotto. A Lionel Messi, però, è bastato per vincere il sesto Pallone d'Oro della carriera battendo al fotofinish il principale avversario. Non Cristiano Ronaldo, alter ego di sempre, ma Virgil van Dijk. Il difensore olandese del Liverpool ha ceduto il passo al campione argentino per un soffio, come rivelato da France Football all'indomani della premiazione avvenuta a Parigi. Un testa a testa che ha visto il ‘dieci' del Barcellona prevalere col punteggio di 686 a 679, lasciando così il calciatore del Reds al secondo posto.

Per un pugno di voti. Un divario marginale a testimonianza anche del grande equilibrio tra le preferenze espresse dai giornalisti che hanno composto la giuria. Tra questi anche l'italiano Paolo Condò, che sui social netkwork ha condiviso i voti indicati sulle scheda: in cima alla sua lista c'era proprio il ‘colosso' della squadra di Jurgen Klopp, autore di una stagione incredibile in Premier League (anche a livello di prestazioni personali) e in Europa (per la vittoria della Champions in finale contro il Tottenham).

Chi è che ha espresso ma un numero superiore di voti per Messi? Secondo quanto rivelato da France Football, la Pulce ha collezionato molti più punti fra i giornalisti europei (231 contro 194) che sudamericani. Questi ultimi hanno votato ‘al contrario' avendo diretto consensi verso il centrale olandese del Liverpool (47 contro 39).

Quanti voti ha preso Cristiano Ronaldo? L'ex stella del Real Madrid non è andata oltre i 476 consensi pur avendo vinto lo scudetto con la Juventus al primo anno in Serie A, la Supercoppa italiana e poi la Nations League con il Portogallo. Un distacco netto che rimarca ulteriormente la sconfitta dell'asso lusitano in questa edizione del Pallone d'Oro.