La stagione personale di Milik è stata buona. Il bomber polacco ha segnato 17 gol in campionato, alcuni bellissimi, si è scoperto grande tiratore di punizioni e ha mostrato di essere un attaccante di buonissimo livello. La stagione però il Napoli la chiude ancora senza ‘tituli' per dirla alla Mourinho e questo non fa affatto piacere al centravanti venticinquenne che in un'intervista rilasciata a Sky fa autocritica, dicendo che in tante partite lui e i suoi compagni potevano fare molto meglio e il secondo posto, anche se è un buon piazzamento, non era l'obiettivo che la squadra si era prefissato: "In tante partite potevamo fare meglio, abbiamo comunque raggiunto il secondo posto: non era il nostro obiettivo ma possiamo crescere moltissimo e prepararci ancora meglio per il prossimo anno".

La chance in Liverpool-Napoli

Il numero 99 del Napoli ha riavvolto il nastro e ha parlato della stagione europea del Napoli, alcuni episodi non sono stati favorevoli, ma nel complesso il bilancio non può essere negativo considerato che gli azzurri sono stati eliminati da Liverpool in Champions e Arsenal in Europa League. Milik ricorda benissimo l'occasione avuta nel match di Anfield:

Siamo stati vicini a eliminare il Liverpool, peccato non aver passato il girone. Poi in Europa League non siamo riusciti a superare l'Arsenal ma il calcio è così, sono i dettagli che fanno la differenza e anche se erano avversari difficili da superare, soprattutto in Champions abbiamo sbagliato qualcosa, specie nei finali di partita, come quel gol preso al 90′ contro il Paris Saint Germain o il mio tiro all'ultimo minuto contro il Liverpool.

Milik verso il rinnovo del contratto

Intanto sembra trovato l'accordo per il rinnovo contrattuale di Milik. Secondo quanto riferisce Sky Sport la società e il calciatore polacco avrebbe raggiunto l'accordo, Milik, che ha un contratto che scade nel 2021, prolungherà fino al 2024, naturalmente ci sarà anche un aumento dell'ingaggio.