Sono giorni importanti per il Napoli che ha appena affrontato in Champions League il Liverpool con una prestazione maiuscola ma si appresta ad affrontare l'ira del proprio presidente per un faccia a faccia dirigenza – squadra che comporterà nuove tensioni, polemiche e fratture. Tutto appare legato con un filo troppo esile per pensare che da qui a fine stagione non accadrà nulla e le sanzioni stabilite dal patron saranno la prima pietra tolta dalle fondamenta di un progetto oramai ai minimi termini.

Intanto però, si lavora sempre per preparare la gara che verrà, rispettando impegni e calendario, con un occhio agli avversari ma anche a ciò che accade nello spogliatoio, dove Carlo Ancelotti deve sempre valutare la migliore formazione da schierare in campo. Se ad Anfield la differenza l'ha fatta l'approccio del gruppo, è pur vero che il Napoli gioca senza alcuni suoi titolari importanti, come Insigne e Milik.

Come sta Milik: ritorno sul campo, ma è ancora lunga

Ciò che preoccupa maggiormente sono le condizioni dell'attaccante polacco: Arkadiusz Milik è fermo da qualche settimana per una sofferenza muscolare alla zona addominale e ha lavorato soltanto parzialmente con il gruppo, mentre ha svolto a parte il resto dell'allenamento. Il suo rientro resta un mistero anche se i progressi ci sono e lo stesso giocatore lo ha riferito attraverso il suo account Instagram: "Al lavoro, in silenzio, sto tornando. Finalmente in campo, sognando di tornare prestissimo a gioire con voi"

Come sta Insigne: contro il Bologna ci sarà

Non è partito per la campagna di Liverpool anche Lorenzo Insigne,  rimasto a Castel Volturno dove si è curato al gomito che lo ha costretto ad uscire a San Siro contro il Milan ed è tornato a disposizione. Il capitano del Napoli ha ripreso ad allenarsi con il gruppo nella prima seduta dopo il rientro dall'Inghilterra e sarà a disposizione per la gara di domenica alle ore 18 contro il Bologna. La valutazione finale spetterà ad Ancelotti ma la sensazione è che partirà dal 1′ minuto.