È una rosa di musi lunghi quella di Carlo Ancelotti. Dopo il famoso episodio dell'ammutinamento e la successiva reazione rabbiosa di Aurelio De Laurentiis, la squadra non si è ancora ripresa ed è attualmente in ritiro per cercare di trovare la concentrazione giusta e uscire dalla crisi. Tra i giocatori ‘rinchiusi' a Castel Volturno c'è anche un nome che non è mai comparso nella distinta per le partite in campionato: quello di Amato Ciciretti.

L'ex trequartista di quel Benevento che riuscì a conquistare la sua prima Serie A, acquistato dal club campano nell'inverno del 2018, non è infatti mai stato preso in considerazione da Carlo Ancelotti e ha finito per scendere in campo solo in un'occasione e con la squadra Primavera di Roberto Baronio. Dopo le esperienze non positive durante i prestiti a Parma e ad Ascoli, il venticinquenne romano è così finito nell'oblio in attesa di un suo possibile addio al Napoli nella prossima sessione invernale di mercato.

L'agente conferma il possibile addio

A confermare la sua possibile partenza è stato Vincenzo Pisacane in un'intervista rilasciata alla ‘Gazzetta dello Sport': "Amato è un ragazzo bravissimo, non crea problemi, ma non è mai considerato – ha spiegato l'agente del giocatore – Quando non si viene considerati, tanto vale non cercare il confronto. Se ne andrà a gennaio sicuramente, ha offerte da diverse squadre in B che stanno lottando per la promozione, dalla Grecia e dalla Spagna".

Come spiegato dal suo procuratore, Ciciretti avrebbe dovuto lasciare Castel Volturno già nella scorsa estate: "Nel corso della sessione di mercato estiva doveva andare all’Ascoli, era tutto fatto fino a 15 minuti dalla fine delle trattative, poi tutto si è bloccato perché il club non è riuscito a vendere il giocatore che avrebbe dovuto fargli spazio".