Si riparte e Kalidou Koulibaly lo fa senza guardarsi alle spalle. Ancora brucia tantissimo l'autorete arrivata al 92′ contro la Juventus, dopo una straordinaria rimonta da 0-3 a 3-3 in casa dei bianconeri. Un JStadium che stentava a credere ai propri occhi e che ha vissuto anche momenti di paura di perdere una gara che si era incanalata nel migliore dei modi. Poi, la beffa a tempo scaduto, con una goffaggine non degna del campione senegalese.

Koulibaly è uscito dal campo incredulo di quanto avesse commesso, vanificando gli sforzi di tutti i compagni e soprattutto vanificando il ricordo che aveva portato con sè quando, proprio al 90′ aveva segnato una rete alla Juventus che profumava di scudetto. Prima della pausa delle Nazionali, il centrale di Ancelotti era risultato ancora una volta decisivo, ma sbagliando porta.

KK, tra ricordi e realtà

Un errore che avrebbe abbattuto un bisonte ma dal quale Koulibaly sembra essere pronto a uscire ancora più forte e determinato di prima. Uno scivolone che si è già buttato alle spalle come rivela nell'intervista al Corsport in cui ammette la topica ma anche la voglia di cancellarla il prima possibile: "L’autogol con la Juventus non la dimentico. Ma mi sono ripreso molto in fretta e sono già pronto a scendere di nuovo in campo. Il mio gol alla Juve a Torino due anni fa resta un momento bellissimo, perché quando l’ho fatto ho sentito tutti i napoletani sulla terra che vibravano con me e che hanno goduto per questa vittoria molto importante".

La sfida alla Samp, tra Juve e Inter

Ricordi, corsi e ricorsi per un Napoli che dopo due turni deve già inseguire la Juventus, capolista insieme all'Inter e al Torino. Per rilanciare la sfida però, c'è la terza giornata che sarà disputata nel pomeriggio di sabato tra il match dei campioni d'Italia e i nerazzurri di Antonio Conte. Il Napoli scenderà in campo al San Paolo contro la Sampdoria e Koulibaly è pronto a guardare solamente avanti.