Il Napoli nelle ultime partite ha fatto molto fatica a trovare la via del gol e a due giorni dalla sfida con il Torino il tecnico Carlo Ancelotti ha provato il 4-3-3, che sarebbe il terzo modulo stagionale per i partenopei che hanno iniziato con tre giocatori dopo la prima punta e sono passati poi al classico 4-4-2. Sarebbe un ritorno al passato che potrebbe agevolare Insigne, il capitano che dopo la tribuna di Genk è pronto a ritornare titolare.

Nuovo modulo per il Napoli a Torino

A Castel Volutrno Ancelotti ha fatto provare ai suoi il 4-3-3. A Torino contro la squadra di Mazzarri, che sarà in panchina, il club granata ha vinto il ricorso, il Napoli potrebbe tornare a giocare con il modulo dei tre anni di Sarri e delle prime tre giornate di campionato dell’era Ancelotti. Se tridente sarà, è probabile che il tecnico manderà in campo Callejon, Mertens e Insigne, che sicuramente ritroverà il campo oltre che la fascia di capitano. A centrocampo sempre Fabian Ruiz, Allan e Zielinski, che avrebbero compiti differenti. Se invece Ancelotti deciderà di puntare sul 4-4-2 uno dei quattro centrocampisti finirà in panchina e in attacco toccherà a uno tra Llorente e Lozano.

Problemi in difesa per il Napoli

In porta sarà confermato Meret, decisivo con le sue parate contro il Genk. Davanti a lui non ci sarà Koulibaly, che sconterà il secondo turno di squalifica. Al fianco di Manolas Luperto, che sfrutta anche il forfait di Maksimovic, infortunatosi contro il Brescia nell’ultimo turno di campionato. Sulla fascia sinistra ci sarà Ghoulam, l’algerino in tribuna in Champions prenderà il posto di Mario Rui, che ha subito un infortunio muscolare e dovrebbe tornare a disposizione dopo la sosta.

  • La formazione del Napoli per il match con il Torino (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Luperto, Mario Rui; Fabian Ruiz, Allan, Zielinski; Callejon, Mertens, Insigne.