Nella scorsa estate Radja Nainggolan ha sorpreso un po' tutti. Il centrocampista tra le tante offerte ricevute ha accettato quella del Cagliari, tornando a vestire dunque la casacca già indossata dal 2010 al 2014. Una scelta legata anche a motivi di cuore, visto che il "Ninja" nella sua ultima intervista ha rivelato di aver detto sì ai sardi anche per mettere sua moglie nelle migliori condizioni possibili per affrontare la malattia. Per Claudia Lai, che sta combattendo una battaglia contro il tumore al seno, il poter vivere nella sua terra può rivelarsi un fattore.

Nainggolan a Cagliari anche per la moglie Claudia che combatte contro il tumore

Radja Nainggolan si è raccontato ai microfoni di Sportweek, settimanale della Gazzetta dello Sport. Il centrocampista belga che nella scorsa estate ha lasciato l'Inter tornando a Cagliari, sta prendendo per mano la formazione di Maran che naviga nelle zone alte della classifica ed è reduce da una striscia di sei risultati utili consecutivi. Nell'ultimo match contro la Spal, il "Ninja" ha segnato un gran gol, dedicato poi a sua moglie Claudia che da diversi mesi sta lottando contro un tumore al seno. Nainggolan ha svelato di aver accettato la proposta dei rossoblu, anche per la sua compagna: "Sono tornato a Cagliari anche per lei: qui è nata, ha la famiglia e gli amici. Qui, per lei è più facile combattere"

Come sta Claudia Lai, le ultime notizie

Claudia Lai continua a combattere contro la malattia con grandissimo coraggio. Sui social, la moglie di Nainggolan ha confermato ancora una volta di voler condividere tutto con i suoi followers anche con la speranza di infondere forza, in chi sta affrontando il suo stesso percorso. Adesso per lei è iniziato il ciclo di radioterapia, come svelato in un post di due giorni fa: "Domani sarà l’inizio di un nuovo percorso, una nuova avventura.. la radioterapia… sono ancora incredula sull’accaduto, tante volte mi domando cosa abbia fatto di male per meritarmi tutto questo…! Poi mi rendo conto che come me ci sono milioni di persone che combattono a testa alta, con un unica speranza… uscirne quanto prima!!! Sono stanca e stufa di tutto, vorrei come ogni anno in questo periodo dover pensare, cosa organizzare per Halloween  alle mie bambine, invece devo solo pensare ad organizzarmi le giornate in ospedale… sarà un Natale di m..  saranno feste tristi ma  avanti tutta. Vado l’ammazzo e torno. Bambine mie, niente lacrime, recupereremo tutto il tempo perso!!! PAROLA DI MAMMA!!!"

Domani sarà l’inizio di un nuovo percorso, una nuova avventura.. la “radioterapia”… sono ancora incredula sull’accaduto, tante volte mi domando cos’abbia fatto di male per meritarmi tutto questo…! Poi mi rendo conto che come me ci sono milioni di persone che combattono a testa alta, con un unica speranza… uscirne quanto prima!!! Sono stanca e stufa di tutto, vorrei come ogni anno in questo periodo dover pensare, cosa organizzare per Halloween 🎃 alle mie bambine 👭, invece devo solo pensare ad organizzarmi le giornate in ospedale… sarà un Natale 🎄 di merda, saranno feste tristi ma #STIGRANDISSIMICAZZI … avanti tutta💪🏻 Vado l’ammazzo e torno🐞… Bambine mie, niente lacrime, recupereremo tutto il tempo perso!!! PAROLA DI MAMMA!!! 👩‍👧‍👧♥️♥️♥️♥️♥️♥️♥️♥️♥️ #viamo

A post shared by ✨🎀✨ℂℒᎯUⅅℐᎯ✨🎀✨ (@claudia_lai_82) on

Nainggolan si racconta, le critiche per le serate in discoteca, il fumo e l'alcol

Nell'intervista concessa alla "rosea" il calciatore del Cagliari si è dimostrato come al solito schietto e sincero, parlando anche del suo modo di essere che spesso in passato gli ha causato qualche critica di troppo: "All’Inter, all’inizio sono stato fischiato perché parlavo di Roma e della Roma, che è stata casa mia. Ma io non sono uno di quelli che bacia la maglia della squadra dove è appena arrivato. Serate, discoteche, alcol? Se voglio, io posso rinunciare a tutto. Ma non sarei me stesso".