C'era il calcio di rigore che l'arbitro Valeri ha concesso al Verona contro l'Inter? Il portiere del Verona blocca la palla quando la palla ha superato la linea di porta? Nel primo caso decisione irremovibile del direttore di gara che è stato deciso nell'assegnare il penalty all'Hellas dopo un quarto d'ora del fischio d'inizio del match a San Siro. È uno degli episodi da moviola che hanno fatto discutere e sollevato le proteste dei nerazzurri, in particolare del portiere Handanovic protagonista in negativo nell'azione che ha portato alla massima punizione. Nessun check da parte dell'arbitro con i collaboratori al Var: dalle immagini si nota come abbia una visuale sufficiente per giudicare come falloso l'intervento dell'estremo difensore interista. Nel secondo caso, è la tecnologia ad aiutare il direttore di gara: sia pure di poco ma la palla non aveva varcato del tutto la linea di porta.

Valeri concede il rigore al Verona per fallo su Zaccagni

L'azione che porta al rigore assegnato al Verona capita intorno al 15° minuto del primo tempo. Protagonista del guizzo che sorprende la difesa dell'Inter è Zaccagni, bravo a trovare lo spazio per spuntare nei pressi della porta avversaria: il calciatore dell'Hellas arriva a pochi passi dell'area piccola nerazzurra, è in posizione defilata e non ha abbastanza spazio per battere a rete ma viene affrontato da Handanovic in uscita. Impossibile per Zaccagni effettuare il tiro, lo specchio della porta è chiuso ma viene agganciato dal piede sinistro dell'estremo difensore nerazzurro.

Un tocco apparentemente involontario ma per il direttore di gara, Valeri, l'impatto col piede destro del giocatore veronese non è trascurabile e concede il calcio di rigore al Verona. Dagli undici metri va Verre che spiazza il numero uno interista e porta la squadra di Juric in vantaggio a San Siro.

  • Curiosità statistica. L'ultima rete incassata su rigore dall'Inter in Serie A risaliva a febbraio della scorsa stagione: allora a fare centro dagli undici metri fu Veretout della Fiorentina (oggi il calciatore francese è un centrocampista della Roma).

La palla non è entrata, la tecnologia dice no al pareggio dell'Inter

Subito il gol dell'1-0, l'Inter prende il comando delle operazione con decisione e crea diverse occasioni da gol. La più clamorosa arriva alla fine del primo tempo e fa gridare al gol quando il portiere, Silvestri, devia ferma sulla linea la palla. San Siro e i calciatori chiedono la rete ma la tecnologia corre in soccorso dell'arbitro: il segnale che arriva sul suo orologio è di non gol, perché la sfera non ha oltrepassato la linea di porta.

Lo sviluppo dell'azione avviene al 44° minuto. Vecino cerca la deviazione vincente dopo la conclusione di Lukaku e sembra gol… sembra perché l'estremo difensore dell'Hellas, Silvestri, tocca la palla e le impedisce di varcare la linea poi libera un difensore del Verona. La palla non varca completamente la linea di porta, il gol non può essere assegnato.