Il primo tempo di Inter-Napoli si è chiuso con le proteste del Napoli per un rigore non concesso dopo un tocco di mano di Stefan De Vrij in area di rigore.

Moviola Inter-Napoli: il fallo di mano di De Vrij

Il difensore olandese ha intercettato il pallone con il braccio dopo una respinta di Padelli su tiro di Zielinski. L'arbitro Calvarese ha atteso il silent check del VAR e ha lasciato proseguire senza assegnare il rigore. Secondo il giudizio del direttore di gara, tenuto conto delle varie casistiche previste dalla regola sul fallo di mano, la distanza tra Padelli e De Vrij è stata giudicata troppo ridotta per poter punire il tocco di mano.

Poco prima, sempre nel corso del primo tempo, il VAR si era soffermato su un altro possibile fallo di mano ma nell'area opposta, dopo un tocco sospetto di Maksimovic in seguito ad una carambola ravvicinata con Sensi: la posizione del braccio del difensore serbo era però quella corretta, aderente al braccio, per cui è stata corretta la decisione di lasciar correre presa da Calvarese.

Moviola Inter-Napoli: il fallo su D'Ambrosio non è da rigore

Nel secondo tempo c'è stata solo una leggera discussione. Nel finale di partita D'Ambrosio è caduto nell'area di rigore del Napoli, ma il calciatore campano è andato giù di fatto da solo, non c'erano gli estremi per il calcio di rigore nel contatto tra il difensore, subentrato a Skriniar, e Elmas.

Conte rischia il cartellino rosso, veementi proteste con l'arbitro Calvarese

A un passo dal cartellino rosso Antonio Conte al 70′ quando l'arbitro fischia un fallo di Brozovic su Mertens. L'ex c.t. si infuria e non le manda a dire all'arbitro Calvarese che si avvicina alla panchina e lo ammonisce. Conte non ci sta e continua a protestare, seppur placcato da Oriali che temeva l'espulsione. All'arbitro Conte avrebbe detto: "Continua a fare il fenomeno".