Una svista clamorosa, destinata a far discutere a lungo. Episodio da moviola nel primo tempo di Atalanta-Verona, in occasione del gol del momentaneo vantaggio della formazione ospite realizzato da Di Carmine. Quest'ultimo ha ricevuto il pallone dalla rimessa laterale di Faraoni, mentre 7 metri più indietro (nel reale punto in cui era uscita la sfera) Rrahamani con un altro pallone tra le braccia si accingeva a rimetterlo in gioco. Un gol da annullare, e che invece dopo consulto Var è stato convalidato per la furia dei nerazzurri.

Moviola Atalanta-Verona, cosa è successo sul gol di Di Carmine.

Al minuto 23′ del primo tempo, rimessa laterale sulla trequarti per il Verona. Rrahmani prende il pallone con le mani (all'interno del terreno di gioco), pronto a battere la rimessa. Sette metri più avanti rispetto al punto di battuta, ecco però che Faraoni anticipa il compagno e con furbizia serve direttamente con la rimessa Di Carmine che approfitta della dormita difensiva nerazzurra e batte Gollini per il gol del momentaneo vantaggio. I giocatori di Gasperini si lamentano subito con il direttore di gara, per il doppio pallone in campo al momento dell'avvio dell'azione.

Perché il gol di Di Carmine sulla rimessa laterale di Faraoni era da annullare

L'arbitro nonostante le proteste dei giocatori dell'Atalanta e di Gasperini decide di convalidare la rete, dopo consulto con il Var. Un chiaro ed evidente errore visto che il gol era decisamente da annullare. Innanzitutto alla luce della presenza di due palloni sul terreno di gioco, il primo addirittura tra le braccia di Rrahmani, e poi perché la rimessa laterale è stata battuta ampiamente più avanti rispetto al punto in cui era uscita la sfera. Una situazione che inevitabilmente è destinata ad alimentare polemiche soprattutto per il mancato intervento del Var che avrebbe potuto aiutare gli arbitri sul terreno di gioco ad evitare la svista.

Rigore per l'Atalanta concesso col Var, punito contatto Faraoni-Castagne

Altro episodio sotto la lente d'ingrandimento il calcio di rigore concesso all'Atalanta nella ripresa. Sugli sviluppi di un'azione offensiva nerazzurra Castagne tenta la deviazione volante ma cade dopo un contatto con Faraoni. L'arbitro fa proseguire, ma su segnalazione del Var ricorre all'on-field review per visualizzare l'episodio. C'è il contatto tra la gamba sinistra del gialloblu e l'avversario, che il direttore di gara sanziona con il rigore. Decisione che sembra giusta