La lunga marcia d’avvicinamento ai Mondiali 2022 del Qatar è già iniziata. Un’edizione che si preannuncia storica in quanto per la prima volta si disputerà nei mesi di novembre-dicembre, e per l’ultima volta vedrà impegnate 32 squadre (prima del passaggio a 48 nel 2026). Una novità importante è quella che riguarda anche le qualificazioni per le nazionali europee: novità nei criteri per accedere alla fase finale, con la nuova formula studiata dall’Uefa che rende ancor più difficile la partecipazione alla competizione qatariota, con le squadre che avranno meno margini di errori.

Mondiali 2022 in Qatar, come cambiano le qualificazioni per le nazionali europee

Nuovo format da parte dell'Uefa per quanto concerne le qualificazioni europee al prossimo Campionato del Mondo di calcio in programma in Qatar nel 2022. Il Comitato esecutivo della Uefa ha approvato nuovi criteri per la composizione dei gruppi e per l'accesso alla fase finale della rassegna iridata. Solo 13 delle 55 nazionali che rappresentano i Paesi del Vecchio continente potranno strappare il pass per la competizione iridata. Le squadre saranno divise in 10 gruppi (non in 9 come accaduto nelle qualificazioni per i Mondiali di Russia), 5 da 5 in cui finiranno le 4 finaliste della Nations League, e 5 da 6. 

Qualificazioni ai Mondiali 2022, per le nazionali europee playoff in gara secca

Le 10 nazionali vincitrici dei gruppi potranno qualificarsi direttamente alla Coppa del Mondo, mentre il percorso per decidere le altre 3 rappresentative è diverso rispetto al passato. Le 10 squadre classificatesi come seconde, e le 2 migliori provenienti dalla Nations League, saranno suddivise in 3 gruppi da 4. In ogni gruppo si giocheranno due playoff ad eliminazione diretta e poi una finale, sempre in gara secca. Le 3 squadre che usciranno dunque da questi mini-tabelloni completeranno il quadro delle 13 nazionali qualificate a Qatar 2022.

Le differenze tra le qualificazioni ai Mondiali 2022 e quelle dei Mondiali 2018

Questa nuova soluzione rende dunque ancor più difficile qualificarsi ai Mondiali. Ci saranno margini di errori inferiori rispetto al passato. Le qualificazioni ai Mondiali 2018 prevedevano infatti 9 gruppi, con le prime qualificate e le 8 migliori seconde impegnate in 4 playoff con andata e ritorno. Adesso invece tutto si giocherà in una gara secca (tra semifinali e finali), un vero e proprio dentro fuori che rischia di rivelarsi "crudele" per chi dovrà giocarsi tutto in una notte.