Henrikh Mkhitaryan è stato il colpo a effetto finale del mercato della Roma. Il trequartista armeno (il primo in Serie A) era sceso in campo nel North London Derby con l'Arsenal nell'ultima giornata di campionato e poche ore dopo era un calciatore giallorosso. Il calciatore classe 1989, dopo la parentesi delle nazionali, ora si è già proiettato sulla nuova avventura nella Capitale e durante la sua presentazione in conferenza stampa ha dichiarato:

Prima di arrivare a Roma ho passato un periodo non facile. Sono consapevole di dove arrivo e degli obiettivi del club e farò di tutto per raggiungerli. Oggi ho incontrato mister e squadra e ci sono tutte le condizioni per un buon lavoro. Ho rivisto i compagni che ho affrontato qualche giorno fa. Ho scambiato qualche battuta con Alessandro (Florenzi) dopo l'Italia. Adesso le nazionali sono alle spalle ed è importante concentrarsi sulla Roma.

L'armeno, arrivato in Italia in prestito oneroso (3 milioni di euro), ha preso la maglia numero 77, ha messo in chiaro gli obiettivi per la prossima stagione e ha parlato delle zone di campo in cui preferisce giocare per essere più pericoloso:

Segnare quanti più gol e assist per aiutare la squadra. In nazionale gioco in posizione centrale godendo di più libertà. Nelle ultime squadre di Premier (United e Arsenal, ndr) partivo da una posizione più arretrata in cui dovevo cucire centrocampo e attacco: posso giocare in tutti i ruoli di attacco, a destra, a sinistra o dietro le punte.

 

Mkhitaryan: Mi hanno colpito le squadre di Fonseca

Sul tecnico Paulo Fonseca, Mkhitaryan ha affermato: "Ho seguito lo Shakhtar Donetsk, mi ha colpito come la squadra ha tenuto testa a grandi squadre e spero possa fare lo stesso a Roma esprimendo un calcio spettacolare". Infine il calciatore armeno ha parlato delle critiche nel mondo del calcio e della scelta di approdare in Italia:

Le critiche fanno parte del calcio e vanno affrontate. So come comportarmi e accetto tutto. Ho scelto la Serie A perché è una grande avventura. Non abbiamo neanche parlato di denaro sono qui per divertirmi e godermi il calcio.