Il futuro di Gianluigi Donnarumma tiene in ansia il Milan. Il portiere rossonero sarebbe al centro di una discussione sul suo rinnovo di contratto ma non tutto sembra procedere per il meglio: per il numero 1 del Diavolo e della Nazionale Italiana il club di via Aldo Rossi vorrebbe una spalmatura sino al 2024 con la riduzione dell'ingaggio da 6 a 4 milioni a stagione ma Mino Raiola, agente del giovane portiere, non è affatto d'accordo con questa soluzione e secondo lui è troppo presto per parlare di rinnovo, considerando tutto ciò che si sta verificando in casa Milan da qualche mese a questa parte.

Situazione Milan precaria

Due anni fa Donnarumma fu al centro di una vera e propria telenovela che, alla fine, portò ad un contratto fino al 2021. Le trattative tra Raiola e il club milanese furono piuttosto complicate ma il portiere aveva firmato il rinnovo per 6 milioni a stagione per 5 anni e l'accordo prevedeva anche l'ingaggio del fratello come terzo portiere del Milan (1 milione a stagione per lui). Più volte sia Maldini che Boban hanno affermato che Gigio rappresenta il presente e il futuro del Milan e questo è uno dei motivi per cui il club milanese vorrebbe risolvere al più presto la questione rinnovo, nonostante ci sia ancora tempo.

Raiola valuterà altre proposte a fine stagione

Quello che più teme il Milan è l'ennesimo scontro con Raiola, che anche nella scorsa sessione di mercato Raiola aveva provato a valutare altre proposte (soprattutto il Paris Saint Germain). L'agente del portiere classe 1999 vuole capire se il progetto tecnico del Milan, che ha messo insieme solo 9 punti in 7 giornate di campionato e ora ha cambiato la guida tecnica, è ancora valido per il suo assisto oppure no: Mino Raiola aspetterà il termine della stagione dei rossoneri e poi farà le sue valutazioni con il ragazzo. La scadenza di contratto è ancora lontana, ma il Milan proverà di tutto per tenere con sé Donnarumma.