Il Milan ritorna alla vittoria davanti al proprio pubblico e per una sera trasforma i fischi  e i malumori in applausi. A creare il mix vincente, il giocatore più contestato, Suso, decisivo con una magica punizione nel secondo tempo. Adesso i rossoneri sono tornati a respirare anche in classifica riportandosi a metà graduatoria in attesa del match contro la Lazio che avrà una valenza ancor più importante per dare continuità.

Il Milan che voleva Pioli

La gara di San Siro l'ha vinta Pioli con le sue scelte e le sue piccole rivoluzioni, cambiando l'11 iniziale e permettendo a chi ha giocato meno di dare il proprio contributo. Così come a Suso di ritrovare gli stimoli giusti seduto in panchina, per entrare a gara in corso e tornare ad essere decisivo. Alla vigilia Pioli lo aveva richiesto: orgoglio, volontà, cattiveria. Tutte doti viste in campo per 90 minuti con un finale in crescendo e finalmente senza subire gol.

Alla vigilia avevo chiesto lo spirito giusto alla squadra. Credo che lo spirito ci sia stato e lo si sia visto per tutta la partita. Abbiamo costruito delle occasioni da gol, peccato tenere in bilico il risultato fino alla fine ma era fondamentale il successo.

Primo passo verso la crescita

Ovviamente, nulla è stato fatto qualora dovesse arrivare un altro stop e la gara contro la Lazio avrà un'importanza ancora maggiore. E' questo lo spirito di Pioli che punta già al prossimo avversario senza guardarsi alle spalle o destare attenzione alle voci attorno al gruppo.

La partita che può cambiare la stagione è sempre la prossima. Sono contento per i giocatori, il club, i tifosi. Dobbiamo pensare alla prossima, abbiamo un avversario molto difficile e molto forte fra pochi giorni. Nella nostra partita ci sono state buone cose ed altre su cui dobbiamo migliorare attraverso il lavoro di tutti i giorni

Dopo il successo è tornato anche il sorriso e ovviamente la positività del momento. Pioli lo sa e manda un segnale forte al gruppo e all'ambiente: "Sento che la squadra può crescere, se sei convinto tutto è possibile e tutto può cambiare in meglio. Questa sera abbiamo fatto delle buone cose: domenica sera le voglio rivedere"