Sulla vittoria che il Milan è riuscito a conquistare a tempo scaduto con l'Udinese c'è la firma indelebile di Ante Rebic: l'eroe di giornata con la sua prima doppietta rossonera. A scatenare Ibrahimovic e compagni e ad infiammare un San Siro gelato dalla rete friulana ci ha però pensato Theo Hernandez: sempre più idolo della tifoseria milanista e da oggi anche nuovo capocannoniere del Diavolo con sei reti in stagione.

Il ventiduenne di Marsiglia ha infatti già scritto il suo nome sul referto di cinque partite di campionato e su quella che il Milan ha recentemente vinto con la Spal in Coppa Italia. Per lui si tratta di una grande soddisfazione personale (nello scorso campionato, al Real Madrid, segnò solo un gol in 24 presenze) e di un record di cinque centri che nel recente passato rossonero avevano toccato soltanto Christian Panucci nel 1995-96 e Serginho nel 2002-03 e nel 2004-05.

Il record di Maldera e la soddisfazione di Maldini e Boban

Anche nel suo pomeriggio meno scintillante (il primo tempo con l'Udinese non è stato infatti all'altezza del secondo), l'ex giocatore che i Blancos si è così confermato non solo un top player ma anche un terzino con un grande feeling con il gol: una dote che potrebbe portarlo a battere il record assoluto di Aldo Maldera: indimenticato difensore del Milan della stella, che proprio in quell'anno mise a segno nove reti.

L'esplosione di Theo Hernandez è certamente una delle note più positive di questa difficile stagione del Milan. È il fiore all'occhiello di Paolo Maldini e Zvone Boban che, nonostante qualche peccato d'inesperienza, nella loro prima avventura da dirigenti hanno messo a segno un colpo di mercato straordinario. Dimenticato in un angolo dal Real Madrid, e acquistato a titolo definitivo per 20 milioni di euro e con un accordo quinquennale, il terzino francese vale ora almeno 40 milioni di euro.