Ormai è sempre più difficile tenere il conto dei record e dei primati di Lionel Messi. Martedì sera la Pulce ha segnato il cinquantesimo goal su calcio di punizione della sua carriera durante il match che il Barcellona ha giocato con il Real Valladolid al Nou Camp. L'argentino ha infilato la palla nell'angolo in alto della porta avversaria dopo il fallo subito da Nelson Semedo a circa 30 metri dalla porta. "Cos'altro si può dire di lui? Ho finito le parole”: ha commentato così il manager del Barça, Ernesto Valverde, dopo la partita che con il ritorno del numero 10 è tornato a sorridere dopo un inizio non proprio brillante.

Il bilancio delle realizzazioni su calcio da fermo dice 44 goal con il Barcellona e sei con nazionale argentina ma fino a poco tempo c’era qualcuno che diceva che non sapeva calciare da fermo e questa cosa gli avrebbe impedito di diventare più forte di Maradona: come spesso accade, le previsioni un tanto al kilo vengono smentite in maniera anche piuttosto tranquilla ed è ingiusto continuare un paragone tar due calciatori che hanno vissuto due epoche diverse della storia del calcio.

Questo nuovo traguardo inserisce Messi in una ristretta cerchia di giocatori che hanno segnato 50 goal su calcio di punizione nelle loro carriere e tra questi ci sono David Beckham (65), Ronaldinho (66) e il rivale Cristiano Ronaldo (54) ma la corona del miglior specialista della storia appartiene all'ex Olympique Lyonnais Juninho Pernambucano, che ne ha segnati ben 77. Un giocatore che Messi potrebbe avvicinare e superare nelle prossime stagioni è un altro brasiliano, Rogerio Ceni, che ha segnato 59 volte nella sua carriera su punizione e la sua impresa fa ancora più impressione rispetto agli altri visto che costui si guadagnava da vivere come portiere del San Paolo.

Espanyol vittima preferita della Pulce

Il primo di questi 50 goal su calcio di punizione è arrivato nel novembre 2008 in una partita di campionato contro l'Atlético Madrid al Camp Nou e il numero più alto è stato segnato in Liga per un totale di 33, ovvero il 66%, mentre il resto è distribuito come segue: 5 in Champions League, 3 in Coppa, 2 in Supercoppa europea e 1 in Supercoppa spagnola. Con l'Argentina 3 sono arrivati durante i gironi di qualificazione ai Mondiali, 2 alla Coppa America 2016 e uno ai Mondiali del 2014. L’Espanyol occupa la prima posizione come avversaria preferita con 6 goal ed è seguito da Siviglia e Athletic Bilbao con 5. L’Atlético Madrid è a 3 e precede Deportivo, Real Madrid, Almería, Betis, Villarreal e Alaves che hanno visto Messi segnare su punizione contro di loro due volte.

Messi ha più gol da fermo dei club dei top 5 d'Europa

Allo stato attuale, nessuno ha segnato più tiri liberi di Messi dall'inizio della stagione 2012-2013 con 27 goal, 17 dall'inizio della stagione 2016-2017, e al secondo posto di questa classifica c'è Miralem Pjanic con 15 reti. Non è riuscito a trovare la via del goal su punizione da quando è arrivato alla Juventus ma potrebbe non essere troppo sorprendente sapere che Cristiano Ronaldo ne ha realizzati solo 10 dall’agosto del 2012.

Se a questi numeri aggiungiamo che il numero di goal nella Liga di Messi su calcio di punizione nelle ultime cinque stagioni è superiore a quello di qualsiasi club dei cinque migliori campionati d'Europa allora questo fa capire ancora di più la portata di questo nuovo record. Da vicino, lontano, dal limite, morbido, forte, sotto la barriera e persino di “Panenka”, come direbbero gli spagnoli: non c’è dubbio che Lionel Messi si è ritagliato un posto tra i migliori tiratori da fermo di tutti i tempi.