Mertens è la stella del Napoli, negli ultimi dodici mesi il belga è diventato un grandissimo goleador. Amatissimo dai tifosi il numero 14 azzurro si trova a meraviglia nella città partenopea e a qualche giocatore che ha rifiutato in passato il Napoli Dries, in modo diretto e tagliente, ha detto: “Qualche calciatore ha rifiutato il Napoli? Peggio per lui, perché non saprà mai tutto quello che si è perso”.

I love Napoli.

L’amore dei tifosi per Mertens, è ricambiato pienamente dal giocatore che ama ogni angolo della città. Lui la conosce tutta, perché l’ha girata in ogni angolo e, nell’intervista rilasciata a ‘La Repubblica’, ha detto di essere felicissimo quando vede in un locale una sua foto

Di Napoli conosco ogni angolo, anche le zone dove mi sconsigliano di andare. Non ho figli e dunque passo meno tempo in casa, rispetto ai miei compagni. Forse è per questo che ho legato in maniera speciale con la gente di Napoli. Mi piace quando entro in una pizzeria e vedo sulla parete la mia foto.

É tutto merito di Sarri.

28 gol nello scorso campionato, titolo dei cannonieri perso in volata con Dzeko. Quest’anno si è confermato sugli stessi livelli realizzativi e se questo è accaduto buona parte del merito è di Sarri. Mertens a 30 anni ha cambiato ruolo, trovato continuità e ha scoperto di essere un grande centravanti

Se sono migliorato è merito del calcio di Sarri, che sembra fatto su misura per me: amo giocare il pallone rasoterra e le triangolazioni veloci, i punti forti e distintivi del nostro Napoli. Sono cresciuto nella continuità e a 30 anni ho iniziato a fare il centravanti.

Il cambio di posizione in campo ha cancellato il dualismo con Insigne, con cui Dries si trova a meraviglia: Con Insigne mi trovo benissimo e ora con lui non dove più lottare per un posto: parliamo lo stesso linguaggio tecnico e siamo migliorati assieme”.

Il sogno Scudetto.

La Juve è sempre la favorita. Mertens però ammette che il Napoli punta al titolo: "Lo Scudetto? Le avversarie sono tante, ma la Juventus resta la favorita per mentalità e organico. Il nostro primato in classifica non è una sorpresa, quest’anno siamo partiti per vincere il campionato”.

Dovesse scegliere tra il bel gioco e il titolo, il belga non avrebbe dubbi. Ma l’attaccante è conscio che la forza del Napoli è il gioco di Sarri: “Giocar male e vincere? Firmerei in cambio dello scudetto. Ma il nostro calcio ci ha portato in cima e continuando così possiamo continuare a sognare, divertendoci e facendo divertire i nostri tifosi”.

I numeri di Mertens.

9 gol segnati nelle 11 partite stagionali giocate dal Napoli, praticamente quasi uno a partita per Mertens, che lo scorso anno ne ha segnati 28 in 35 di campionato e complessivamente 34 in 46, coppe comprese. Sono invece 77 le reti firmate da Mertens da quando è in azzurro, il belga è il 9° all-time nella classifica dei goleador di sempre del Napoli.