La partenza per Barcellona sembrava cosa certa in estate: Philippe Coutinho era stato richiesto a gran voce dal club azulgrana per far fronte al vuoto lasciato da Neymar ma alla fine non se ne fece nulla. Il giocatore era pronto, convinto della bontà dell'operazione e la concreta possibilità nell'approdare in una delle società più importanti del mondo, dover avrebbe avuto le porte spalancate. Poi, le resistenze del Liverpool, altre scelte di mercato e il tempo che stringeva non hanno permesso al ‘trasloco' dell'ex Inter in Catalogna. Ma il colpo di fulmine è rimasto, il feeling tra giocatore e società è rimasto e adesso ritorna veemente l'idea di poterci riprovare magari già a gennaio.

La chiamata di Suarez.

Anche Luis Suarez ultimamente aveva tessuto nuovamente le lodi di Coutinho: "Ci ho parlato, è motivato e vuole arrivare. Ci darebbe molto sul piano tecnico". Parole che sono più di un semplice endorsement perché la punta uruguayana orfana dell'amico e compagno Neymar sa che il centrocampista brasiliano oggi al Liverpool può essere considerato tranquillamente un giocatore dalle grandi qualità ancor oggi inespresse.

Casa a Barcellona.

Un matrimonio che dovrebbe concretizzarsi in qualche maniera, perché Coutinho oramai ha il proprio futuro segnato dai colori azulgrana del Barcellona, tanto che starebbe cercando casa proprio nel capoluogo catalano. Con il club spagnolo, infatti, il giocatore avrebbe già un accordo di massima le cui cifre sono al momento vincolate dal riserbo più assoluto. Ma tutto sarebbe da tempo definito. Ciò che sembrava una risposta di ‘pancia' all ‘addio forzato a Neymar, si sta invece concretizzando come una precisa operazione di mercato.

Tutto ok, tranne il Liverpool.

Ciò che manca è trovare la definitiva intesa con il Liverpool che al momento ha il coltello dalla parte del manico. Coutinho non è a fine contratto, non c'è fretta di cederlo al miglior offerente perché altrimenti se ne va senza portare alcunché. Il club inglese sarebbe anche pronto a cedere il suo gioiello alle cifre paventate (non meno di 100 milioni) ma l'esigenza di Klopp è un'altra: trovare il sostituto tecnico che permetta la continuità nel progetto. Una volta scelto e vincolato il nuovo arrivo, Coutinho partirà. Ma a giugno.