Massimo Cellino non ha alcuna intenzione di scusarsi per la pessima uscita su Mario Balotelli. Il presidente del Brescia poche ore fa ha risposto così a chi gli chiedeva del momento del suo giocatore: "Su Balotelli dico che è nero, sta lavorando per schiarirsi però ha molte difficoltà". Parole che inevitabilmente hanno sollevato un polverone, costringendo il club lombardo ad una nota ufficiale, nel tentativo di minimizzare l'accaduto. Cellino dal canto suo si è difeso così: "Chi mi ha dato del razzista? Se scrivete tutte le cazzate che dico non smettete più di scrivere. Io non mi devo discolpare di una cosa alla quale non credo".

Cosa ha detto Massimo Cellino su Mario Balotelli

Massimo Cellino ha conquistato la scena nella giornata di oggi per una pessima battuta su Mario Balotelli. Il presidente del Brescia stuzzicato sul momento no del calciatore escluso da mister Grosso in Roma-Brescia ha dichiarato: "Cosa devo dirvi su Balotelli? Che è nero, sta lavorando per schiarirsi però ha molte difficoltà. Nel calcio ci sono le squadre che combattono e che vincono. Se noi pensiamo che un giocatore da solo possa vincere la partita, offendiamo la squadra e il calcio. Uno giocherebbe 1 contro 11 e non 11 contro 11″. Critiche a non finire per il numero uno delle "Rondinelle", per delle pessime parole pronunciate con una leggerezza disarmante.

La nota ufficiale del Brescia sulle parole di Cellino

Il Brescia in un comunicato ufficiale è tornato sulle parole del presidente, provando a chiarirne il senso, nel tentativo di minimizzare: "In merito alle dichiarazioni rilasciate questo pomeriggio dal Presidente Massimo Cellino, riferite al nostro giocatore Mario Balotelli, Brescia Calcio precisa trattasi evidentemente di una battuta a titolo di paradosso, palesemente fraintesa, rilasciata nel tentativo di sdrammatizzare un’esposizione mediatica eccessiva e con l’intento di proteggere il giocatore stesso".

Cellino non si scusa per le parole su Balotelli

E Cellino? Si è scusato per le parole su Balotelli? Il presidente a margine dell'Assemblea della Lega di Serie A ha pensato che la "miglior difesa è l'attacco". A suo giudizio si è sollevato un polverone inutile: "Chi mi ha dato del razzista? Se scrivete tutte le cazzate che dico non smettete più di scrivere. Io non mi devo discolpare di una cosa alla quale non credo. La cosa tragica è che non sapete più cosa scrivere. Se chiarisco faccio ancora più danni, le persone per bene mi conoscono".

Balotelli e la scelta di prendere Balotelli al Brescia

In serata ai microfoni di Teletutto, Cellino parla anche della scelta di portare a Balotelli a Brescia. Se potesse tornare indietro il patron si comporterebbe in maniera differente: "Probabilmente se potessi tornare indietro chiederei a Balotelli se è davvero convinto di venire a Brescia. La scelta è stata più azzardata rispetto a quello che si pensava. Dalla sua parte e dalla nostra. Balotelli è più fragile di quanto pensiate. Sta sentendo un peso superiore rispetto a quello che aveva valutato all’inizio".