Un vero e proprio terremoto che rischia di avere effetti devastanti. La durissima sanzione dell'Uefa nei confronti del Manchester City, con l'esclusione dalle prossime due edizioni della Champions (oltre alla multa di 30 milioni di euro), potrebbe dare il la ad una vera e propria reazione a catena. Pep Guardiola infatti potrebbe non essere il solo a lasciare il club inglese, che rischia di perdere anche alcune delle sue stelle, spaventate dalla prospettiva di non calcare per due anni i campi di calcio del massimo trofeo continentale.

Manchester City, gli effetti dell'esclusione dalla Champions sul mercato

Esclusione dalla Champions League nelle stagioni 2020/2021 e 2021/2022 oltre ad una multa di 30 milioni di euro. Questa la stangata della commissione di controllo dell'Uefa per il Manchester City accusato di aver gonfiato  le proprie sponsorizzazioni per aggiustare i conti in chiave Fair Play Finanziario. Se il club ha già annunciato di voler presentare un ulteriore ricorso al Tas, iniziano inevitabilmente ad aprirsi scenari preoccupanti in vista del futuro, per quello che potrebbe essere un pesante ridimensionamento. Il primo a lasciare potrebbe essere Pep Guardiola: il manager catalano che anche prima dell'ufficialità del provvedimento veniva dato per partente, ora avrebbe un motivo in più per dire addio al City. Juventus e Barcellona sono alla finestra.

De Bruyne e Sterling, addio al Manchester City senza Champions

Attenzione però anche ai calciatori. Le stelle del Manchester City, sono ovviamente preoccupate dalla prospettiva di non giocare in Champions nelle prossime due stagioni. Secondo quanto riportato dal Manchester Evening, sono due in particolare i giocatori che potrebbero pensare ad un addio. Si tratta di Kevin De Bruyne e Raheem Sterling. Se il primo ha una quotazione di mercato di 150 milioni, quella del secondo si aggira sui 160 milioni. Entrambi in scadenza nel 2023 potrebbero, in caso di conferma del verdetto dopo il ricorso al Tas del Manchester City, spingere per una cessione che scatenerebbe dunque tutte le big del calcio internazionale. Anche Aguero potrebbe essere uno dei partenti, avendo un contratto in scadenza nel 2021, e con una quotazione più bassa rispetto ai due compagni (65 milioni).

Manchester City, crollo dell'appeal sul mercato

Il Manchester City dunque si ritrova a fare i conti con una vera e propria tegola, che potrebbe incidere anche sul mercato in uscita. L'esclusione biennale dalla Champions infatti potrebbe far calare anche l'appeal del club: la prospettiva per eventuali obiettivi di mercato di non giocare in Europa non è certo allettante. Una mazzata dunque per un club che ora farà il possibile per sperare in uno sconto, come accaduto per il Milan. La situazione però è molto diversa rispetto a quella dei rossoneri, e la prospettiva di uno stop in Champions è assai concreta