Sarebbe stato opportuno presentarsi a Manchester con una vittoria prestigiosa in trasferta a Roma, ma il 3-3 finale con la beffa della Lazio nei tempi di recupero, non sembra aver scalfito l'entusiasmo dei tifosi nerazzurri. Martedì sera, diretta tv su canale 5 in chiaro per tutti, sarà una giornata storica per i colori della Dea: l'Atalanta giocherà in Champions League, sfidando i giganti del Manchester City di Pep Guardiola.

Una sfida impari, alla quale i nerazzurri di Gasperini stanno provando a prepararsi consapevoli del divario enorme tra esperienza e qualità in campo e pronti ad affrontare un clima incandescente all'interno dell'Etihad Stadium, la casa del City, l'anno scorso vincitore della Premier League. L'Atalanta proverà a farsi forza con i giocatori in campo e con l'aiuto del proprio pubblico sugli spalti, che sarà poco ma di certo entusiasta della storica trasferta.

Nessuna deroga, in 300 restano fuori

Intanto, il Manchester City ha negato ufficialmente l’accesso a 300 tifosi nerazzurri che avevano acquistato il biglietto per la gara di domani in settori diversi da quello ospiti non utilizzando i tagliandi messi a disposizione dal club inglese. E' stata ribadita la presa di posizione già manifestata nella giornata di venerdì, quando il club inglese con un’email aveva anticipato l’impossibilità di accedere all’impianto – con rimborso entro 3-5 giorni.

La nota del club: restate a casa

Davanti alla notizia l’Atalanta ha voluto così avvisare i propri suppoert, suggerendo "di non presentarsi ai cancelli d’ingresso per evitare spiacevoli situazioni”. E' stato bocciato qualsiasi tentativo di compromesso, anche quello di un mini-settore attiguo a quello dove si sistemeranno i 2.750 che hanno optato per il pacchetto biglietto-volo tramite l’azienda “Ovet Viaggi”, partner della società bergamasca.

Pubblico da ‘minimo garantito'

I tifosi presenti numericamente saranno pochi, considerando che il settore ospiti può accogliere 4.000 spettatori ma anche che il City ha deciso di non andare oltre il “minimo garantito” secondo normative Uefa, pari al 5% della capienza totale. Altrimenti, il popolo atalantino avrebbe risposto in massa alla trasferta inglese probabilmente toccando quota 5.000, la stessa che il 15 febbraio 2018 colorò di nerazzurro parte dell’Iduna Park di Dortmund in Europa League.