Per gli Azzurri l'Europeo 2020 è ormai dietro l'angolo. Dopo il successo con l'Armenia, la Nazionale di Roberto Mancini ha infatti liquidato anche la pratica finlandese e ipotecato il passaggio ai gironi del prossimo Europeo. La vittoria di Tampere, arrivata dopo una prestazione migliore rispetto alla precedente e grazie alle reti di Immobile e Jorginho, regala infatti all'Italia un vantaggio più che rassicurante in classifica e conferma l'ottimo lavoro di Mancini e dei suoi ragazzi.

L'Italia c'è, manca solo il gol

Come annunciato dal commissario tecnico nei giorni precedenti, l'Italia torna in campo con molte novità rispetto al match con l'Armenia. Acerbi, Izzo e Immobile prendono il posto di Romagnoli, Florenzi e Belotti. Dall'inizio partono anche Lorenzo Pellegrini, Barella e Sensi. La serata di Tampere non comincia nel migliore dei modi per gli Azzurri. Vaisainen e Tovio mettono subito i brividi a Donnarumma, Pukki chiama invece allo scatto a freddo Emerson: una corsa che il giocatore del Chelsea paga con un problema muscolare e con la sostituzione con Florenzi.

L'Italia prova a costruire, ma fatica a disegnare linee di gioco "pulite" a causa del pressing forsennato della Finlandia: schierata con un 5-4-1 dall'alta densità in mezzo al campo. La partita dei nostri gira al 27esimo con la prima occasione: grande girata di Sensi e super parata di Hradecky. Dopo un buon inizio dei padroni di casa, ora è la squadra di Mancini a giocare con più pericolosità. Dalla mezzora fino all'intervallo, c'è solo l'Italia in campo e a sfiorare il gol sono i tentativi di Barella, Immobile, Florenzi e Sensi.

Immobile si sblocca, Jorginho la chiude

Non ci sono cambi per il secondo tempo. L'Italia riparte con gli stessi uomini e con la stessa personalità messa in mostra negli ultimi 20 minuti del primo tempo. Di fronte al maggior tasso tecnico degli Azzurri, la Finlandia si rimette dietro la linea del pallone e aspetta con la guardia alta gli attacchi dei nostri ragazzi. Il gol è nell'aria e arriva all'ora di gioco: cross di Chiesa e capocciata vincente di Immobile, che ritrova la rete con la Nazionale dopo due anni. Nel momento migliore dell'Italia arriva però il rigore vincente di Pukki: generato da una palla banalmente persa da Sensi e dal suo successivo fallo nella nostra area.

Infuriato per il pareggio dei finlandesi, Roberto Mancini decide di gettare nella mischia Bernardeschi e Belotti al posto di Chiesa e Immobile. Un doppio cambio che porta fortuna e disorienta soprattutto l'arbitro, che dopo pochi minuti dal pareggio dei padroni di casa concede un generoso rigore all'Italia: penalty che Jorginho realizza con un destro preciso. Il gol spegne così le velleità della Finlandia e accompagna gli Azzurri verso il novantesimo, l'ennesima vittoria e soprattutto verso il prossimo Europeo: ora davvero ad un passo per la nostra Nazionale.