Il primo vero banco di prova per Rino Gattuso è contro l'Inter capolista. L'ex allenatore del Milan, arrivato a Castel Volturno da poche settimane, cerca il primo importante successo della sua nuova avventura partenopea con i nerazzurri: protagonisti fino ad ora di un campionato convincente. Conte ha invece l'opportunità di rimanere in vetta con la Juventus e spezzare l'incantesimo interista al San Paolo, dove i milanesi non vincono dal lontano 1997. Il big match della diciottesima giornata di Serie A è però condizionato dagli infortuni: soprattutto quelli che hanno falcidiato la rosa dei padroni di casa.

Lukaku non perdona

Costretto a giocare con Di Lorenzo centrale, Gattuso paga subito il prezzo salato delle assenze di Koulibaly e Maksimovic. Nonostante un buon avvio, il Napoli crolla (anzi scivola) al quarto d'ora di gioco. L'ex Empoli cade a terra e spalanca la strada a Lukaku per l'1-0 nerazzurro. Il gol fa tremare le gambe ad Insigne e compagni, che rischiano grosso sulle due occasioni successive per Vecino e Lautaro Martinez e incassano la seconda rete alla mezzora dopo una papera di Meret su bordata di Lukaku. Sotto di due reti, la squadra di Gattuso reagisce però con orgoglio e ha il merito di scendere negli spogliatoi sul 2-1 grazie al tap in vincente di Milik al 39esimo.

Il tris di Lautaro Martinez

La ripresa corre via veloce sullo stesso binario del primo tempo. Il Napoli prova a fare la partita, l'Inter rimane compatta a protezione di Handanovic e pronta a scatenarsi con le sue folate offensive. Complice la battaglia sempre più aspra a centrocampo, Conte getta nella mischia Barella e toglie dal campo Gagliardini. Una mossa che arriva a pochi minuti dal terzo gol nerazzurro di Lautaro Martinez, bravo ad approfittare di un altro errore napoletano, questa volta di Manolas, e dalla successiva traversa di Insigne. Quello del Toro è il sigillo finale alla vittoria dell'Inter: un successo meritato che conferma i nerazzurri in vetta al nostro campionato.

Il tabellino di Napoli-Inter

NAPOLI (4-3-3): Meret; Hysaj (36′ st Lozano), Manolas, Di Lorenzo, Mario Rui; Allan, Fabian Ruiz (39′ st Llorente), Zielinski; Callejon, Milik, Insigne. A disp.: Ospina, Karnezis, Elmas, Luperto, Younes, Tonelli, Gaetano, Leandro. All.: Gattuso.
INTER (3-5-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Candreva, Gagliardini (11′ st Barella), Brozovic, Vecino (28′ st Sensi), Biraghi; L. Martinez, R. Lukaku (43′ st Borja Valero). A disp.: Padelli, Berni, Godin, Sanchez, Ranocchia, Politano, Lazaro, Dimarco, Esposito. All.: Conte.
ARBITRO: Doveri di Roma.
MARCATORI: 14′ pt Lukaku (I), 33′ pt Lukaku (I), 39′ pt Milik (N), 17′ st L. Martinez (I)
NOTE: Ammoniti: Candreva, Barella, Conte, Esposito, Sensi, Skriniar (I). Recupero: 1′ pt, 4′ st.