La Juve scappa, l'Inter non molla. Potrebbe essere questo il leitmotiv dopo le prime gare dell'ottava giornata del campionato di Serie A 2019/2020. I nerazzurri hanno vinto per 4 a 3 in casa del Sassuolo grazie alle doppiette di Lukaku e Lautaro. Berardi, Djuricic e Boga hanno bucato per tre volte la porta della Beneamata ma non è bastato per portare a casa punti salvezza importanti. In questo modo la squadra di Antonio Conte tiene il ritmo della capolista, che ieri aveva provato la fuga grazie alla vittoria sul Bologna.

Handanovic & co hanno vinto in maniera meritata ma ha sofferto parecchio nel finale per poter portare a casa i 3 punti: fino a oggi quella nerazzurra fino a oggi era la miglior difesa della Serie A ma con le tre reti subite la portano sullo stesso livello di Juventus, Cagliari e Verona. Buona prova caratteriale per la squadra di Roberto De Zerbi, che non ha mollato fino all'ultimo secondo ma si è dovuta arrendere allo stato di grazia degli attaccanti interisti.

Le formazioni di Sassuolo e Inter

De Zerbi ha scelto il solito tema tattico (4-3-1-2) con Consigli tra i pali; Muldur, Marlon, Peluso e Tripaldelli in difesa; Obiang, Magnanelli, Duncan e Traoré a comporre il rombo di centrocampo con il taedem Berardi-Caputo. Conte ha disposto i suoi con il solito 3-5-2 e ha apportato qualche modifica rispetto al solito: Bastoni ha preso il posto di Godin, Biraghi quello di Asamoah e Gagliardini per Sensi rispetto all'undici visto in queste prime gare.

Berardi risponde a Lautaro: inizio scoppiettante

La partenza della squadra nerazzurra è terrificante per gli uomini di De Zerbi, che subiscono goal al 2′: Lautaro Martinez ha ricevuto un pallone sul vertice sinistro dell'area da Brozovic e ha trovato il punto del vantaggio con un grande tiro di destro sul secondo palo. Il Toro, dopo aver puntato il suo diretto marcatore, ha lanciato un proiettile di collo esterno sul quale Consigli non può nulla.

Dopo un paio di occasioni sprecate dai nerazzurri, il Sassuolo prende campo e fiducia e al 16′ è arrivato il pareggio con Domenico Berardi, una vera e propria bestia nera per i nerazzurri: l'esterno offensivo neroverde ha sfruttato un errore di Biraghi e ha trovato un diagonale di destro che ha freddato Handanovic e riportato il match in parità.

Lukaku zittisce le critiche: doppietta e abbraccio a Conte

Al 38′ la squadra nerazzurra ha trovato il nuovo vantaggio dopo un goal annullato a Lautaro e a firmare il 2-1 è stato Romelu Lukaku: il centravanti belga ha sfratto l'assist al meglio di de Vrij e dopo aver fatto un grande movimento con il corpo ha trovato il palo lontano con un tiro di destro. Dopo la rete il numero 9 è corso verso la panchina ad abbracciare Conte, Esposito (suo grande amico) e tutti gli altri che lo hanno supportato dopo le critiche post-Juve.

Il centravanti dell'Inter dopo pochi minuti ha firmato la doppietta personale su calcio di rigore, concesso da Giacomelli per fallo di Marlon su Lautaro: Lukaku ha spiazzato Consigli e ha portato a 5 le sue reti in campionato. Secondo quanto riporta Opta il centravanti belga è il primo giocatore dell’Inter a segnare quattro o più gol nelle prime quattro trasferte di Serie A dai tempi di Diego Milito (novembre 2009).

Lautaro è ‘on fire' e fa doppietta: Toro in crescita costante

Il calciatore argentino, dopo le due reti contro Barcellona e Juventus prima della sosta, ha realizzato al Mapei Stadium anche lui una doppietta, grazie ad un calcio di rigore al 71′ ma il Toro oggi ha disputato una grande gara per intensità e per tecnica individuale, con giocate davvero preziose per gli occhi degli spettatori. Quarta rete nelle ultime tre gare con l'Inter e crescita costante per un ragazzo che può dare tanto a questa squadra.

Djuricic e Boga la riaprono: Inter soffre ma vince

La squadra di Roberto De Zerbi non ha mai mollato e i neo entrati Djuricic e Boga hanno accorciato le distanze mettendo l'Inter in seria difficoltà nei minuti finali. Due reti di pregevole fattura sia per il centrocampista offensivo serbo che per l'esterno ivoriano: il primo ha bucato Handanovic con una conclusione di punta nell'angolino mentre il secondo si è reso protagonista di uno slalom concluso con un tiro sul secondo palo. Grande sofferenza per i nerazzurri ma al triplice fischio il risultato dice 4 a 3 per gli uomini di Conte, che portano a casa punti importantissimi ma la gestione della gara va migliorata.