Una rete dell'ex Pavoletti a fine primo tempo spaventa il Genoa ancora inguaiato in zona retrocessione. Ci pensa Criscito – e il VAR – nel finale a trovare il pareggio finale. Il Grifone è a +2 dall'Empoli, terzultimo e con una gara in meno. Un piccolo passo in avanti che però non permette agli uomini di Prandelli di togliersi dai guai, giocandosi la salvezza all'ultima giornata quando il Genoa andrà a Firenze, mentre i toscani (che devono ancora sfidare il Torino) se la vedranno a San Siro contro l'Inter.

All-in salvezza per il Genoa

Per evitare pessimi risvolti finali il Genoa si appresta alla partita decisiva davanti al proprio pubblico con 180 minuti da giocare. Soprattutto di fronte alla vittoria dell'Udinese sulla Spal che significa salvezza per i friulani, il Grifone non può sbagliare il match contro il Cagliari. Una prova d'appello in cui i liguri devono racimolare tre punti preziosi per allontanare la minaccia Empoli.

Prandelli si affida all'esperienza di Lapadula e Pandev

Prandelli per l'occasione lascia a riposo la gioventù e si appoggia all'esperienza e ai giocatori più rodati, come Pandev e Lapadula, tandem d'attacco inedito dal primo minuto mentre Sanabria e Kouamè si accomodano in panchina. Scelta che però non porta frutti importanti: il Genoa stenta, il Cagliari, che ha poco da chiedere, gestisce senza patemi.

Pandev ci prova, Pavoletti ci riesce

L'unico acuto di un primo tempo che diventa anonimo, è di Pandev che accende la miccia al 26′ impegnando Cragno in una intervento decisivo per mantenere inviolata la propria porta. Cosa che non fa invece Radu quando al 40′ è Pavoletti a saltare di testa più preciso di tutti infilando la palla dell'1-0 dei sardi che spalanca il baratro sotto i piedi dei padroni di casa.

Reazione Genoa rimandata al secondo tempo

Il primo tempo non lascia spazio alla reazione del Genoa che attende l'intervallo per riorganizzare le idee e presentarsi in campo per un secondo tempo da rimonta. Il Grifone si ripresenta con la trazione decisamente anteriore: Prandelli inserisce prima Kouamè per Pereira, poi Sanabria per Lapadula con una formazione che presenta il tridente alla ricerca della rimonta.

Girotondo di cambi

La ripresa però non vive di momenti particolarmente esaltanti. Oltre Prandelli anche Maran pensa ai cambi da effettuare per tenere alta l'asticella della concentrazione: via Pavoletti, Cacciatore e Cerri e dentro Joao Pedro, Romagna e Birsa. Ma il trend della partita non cambia con il Genoa incapace di creare problemi alla difesa sarda attenta a controllare.

Criscito nel finale salva il Grifone

Ma a una manciata di minuti dalla fine arriva l'occasione che non ti aspetti: fallo in area del Cagliari e intervento della VAR che decreta un rigore per il Genoa. Dal dischetto Capitan Criscito non sbaglia e fredda Cragno per l'1-1 che salva in parte le speranze del Genoa.