L'Empoli ha esonerato Cristian Bucchi. Una decisione presa dalla società che milita in Serie B nella tarda serata di lunedì e che arriva dopo la sconfitta interna contro il Pescara. Non è stata una scelta facile ma alla fine presidente e collaboratori hanno convenuto che l'opzione migliore per fare una sterzata all'ambiente era sostituire la guida tecnica. Un risultato – il ko contro gli abruzzesi – che ha portato all'apice il trend di rendimento negativo registrato nell'ultimo periodo: 3 punti in 6 partite che hanno scaraventato la squadra lontano dalla parte alta della classifica e più ancora della zona promozione. Toscani al decimo posto, a quota 17 in 12 match, staccati di una lunghezza dai playoff e di 4 dalla promozione diretta. Numeri deficitari rispetto alle ambizioni del club e al valore di una rosa che – secondo la dirigenza – può puntare alla Serie A.

Davide Nicola candidato numero uno alla panchina

Complice la pausa di campionato, l'Empoli potrà decidere con maggiore calma il nuovo allenatore al quale affidare la squadra e soprattutto il compito di rilanciare la sfida per il ritorno nel massimo campionato italiano. Tra i nomi emersi in queste ore, la candidatura che sembra avere maggiore credibilità è quella che fa riferimento a Davide Nicola. È lui la figura preferita, ritenuta ideale per affrontare una missione del genere ma serve convincere l'ex allenatore di Crotone e Udinese ad accettare una panchina in Serie B.

È il secondo tecnico che salta in Serie B

Quella dell'Empoli è la seconda panchina che salta in stagione in Serie B. La prima fu quella della Cremonese che decise di risolvere il rapporto con Massimo Rastelli alla settima giornata. Al suo posto venne chiamato l'ex allenatore del Benevento, Marco Baroni, che si rese protagonista della promozione in Serie A dei sanniti e ne resse le sorti per un certo periodo anche in A prima del licenziamento e dell'incarico concesso a De Zerbi.