A tratti irresistibilmente bella e fortunata il giusto. Questa è la Lazio di Simone Inzaghi: terza in campionato a +2 sulla Roma, in piena corsa per la Champions League e con l'attacco migliore del campionato. L'unico neo? Quello dell'Europa League, dove la qualificazione è appesa ad un filo molto sottile. In attesa di tornare in campo contro il Cluji per tenere accesa la fiammella della speranza, Inzaghi può intanto godere dei numeri del suo reparto offensivo: il migliore in Italia.

Con 30 reti in 13 partite l'attacco biancoceleste è infatti entrato negli annali del club capitolino, con un record che risaliva alla stagione 1936/37. Prima di oggi nessuna aveva infatti mai eguagliato quell'attacco che, come quello di Inzaghi, riuscì a segnare almeno due gol per otto partite consecutive. Tra i protagonisti principali di questo suggestivo traguardo c'è ovviamente Ciro Immobile: capocannoniere con 15 reti.

Immobile è sul podio dei migliori marcatori

L'attaccante campano, che ha ritrovato la via del gol anche con la Nazionale di Roberto Mancini, ha già segnato come in tutto lo scorso campionato, superato il primato di Boksic e raggiunto Rocchi al terzo posto dei migliori marcatori della storia della società romana. Grazie ai suoi 114 gol totali, il giocatore di Torre Annunziata si è invece lasciato alle spalle Cassano e Amoruso.

"A Roma c'è stata qualche polemica per alcuni risultati mancati – ha spiegato Simone Inzaghi nel post gara del ‘Mapei' – Ero molto tranquillo perché avevo detto che continuando a giocare come giocavano, sarebbero arrivate soddisfazioni. Questa è la quinta vittoria di fila e ora voglio vincerne subito un'altra. Giovedì c'è il Cluj in Europa League, ce la giocheremo e dobbiamo sempre guardare avanti. Bisogna alzare la famosa asticella".