Dopo aver messo la Supercoppa Italiana sotto l'albero di Natale, e aver brindato ad un 2019 più che positivo, la Lazio torna in campo contro il Brescia, in occasione della prima partita della diciottesima giornata di campionato. "L'anno passato ci ha dato grandi soddisfazioni e abbiamo vinto due coppe nel giro di 5 mesi e mezzo – ha dichiarato Simone Inzaghi in conferenza stampa – Abbiamo fatto molto bene, ma ora bisogna riattaccare subito la spina".

In attesa di Lazio-Napoli del prossimo weekend e dell'ottavo di finale di Coppa Italia con la Cremonese, il tecnico bianconceleste ha dunque messo in guardia suoi giocatori: "Con il Brescia non sarà semplice. Dobbiamo essere consapevoli, ma allo stesso tempo umili. Le insidie sono dietro l'angolo. Veniamo da 15 giorni di pausa, eravamo abituati a giocare ogni 3 giorni. Affrontiamo una squadra forte, serve la vera Lazio e voglio il massimo da tutti in campo".

Immobile ci sarà

La notizia che tutti i tifosi della Lazio aspettavano è arrivata puntuale: "Immobile ha avuto un attacco febbrile, per fortuna è durato 36 ore e ha saltato solo una seduta. Penso possa essere in campo tranquillamente. Ho il dubbio invece di Cataldi, perché ha avuto un risentimento il giorno che ci siamo ritrovati. Senza questo problema avrebbe giocato sicuramente, stamattina a fine seduta mi ha detto di sentirsi bene. Mancano ancora 20 ore alla partita, valuterò con il ragazzo e lo staff medico".

Il punto sul mercato

Durante l'incontro con la stampa, andato in scena alla vigilia della trasferta di Brescia, Simone Inzaghi ha poi parlato delle prime strategie di mercato biancoceleste: "Con la società c'è perfetta sintonia – ha concluso – Stiamo guardando, anche se allo stesso tempo siamo consapevoli di avere una buona rosa e giocatori importanti. Vedremo se accadrà qualcosa in entrata e in uscita. Escalante? È un buon giocatore".