C'è chi dice che il Torino stia attraversando una crisi di gioco e di risultati figlia di tanti malumori interni ad uno spogliatoio che da tempo ha elargito situazioni al limite. Su tutte, la ‘grana' di inizio stagione – e fine calciomercato – legata al centrale difensivo Nkoulou – tenuto per le prime uscite di campionato e coppa fuori rosa. Adesso ci sarebbe un altro ‘caso' che cova sotto la cenere, quello di Vittorio Parigini, attaccante esterno classe 1996 di proprietà del Torino che sui social ha raccontato la "sua" verità circa il lungo periodo di assenza dal campo in maglia granata.

L'attaccante esterno non è mai stato impiegato da Walter Mazzarri in stagione e sui social ha spiegato di non essere infortunato come sostiene la società. Il tecnico gli ha sempre preferito altre soluzioni offensive e anche davanti all'infortunio di Simone Zaza non lo ha mai impiegato, ripiegando su altre scelte. Malgrado un evidente calo di rendimento di una squadra che ha anche assaporato a inizio stagione il vertice della Serie A, aprendo a sogni e illusioni oggi infrante dopo l'ennesimo ko, rimediato a Udine dai bianconeri di Tudor.

L'infortunio e la verità di Parigini

Ufficialmente, Vittorio Parigini, 23enne originario di Moncalieri e in granata dall'età di 10 anni, rientra nella lista degli infortunati e per questo motivo (pubalgia) non può essere a disposizione dell'allenatore ma la situazione non sarebbe esattamente quella comunicata dalla società del Torino. Almeno stando a sentire la versione di Parigini: "Mi hanno fatto passare per infortunato quando è da agosto che sono disponibile"

Cosa accadrà adesso al Torino

Un commento acido che lo stesso Parigini ha poi rimosso dai social network ma finito ovviamente in pasto alla rete che non gli ha concesso scampo. Una frattura, dunque, all'interno del gruppo granata che dovrà essere rimarginata subito e nel prossimo mercato di gennaio probabilmente qualcosa si muoverà per evitare di continuare ad avere in seno un problema destabilizzante. Parigini ha attualmente un contratto fino a giugno 2020 e già in estate aveva avuto diverse proposte, preferendo rimanere in granata e giocarsi le proprie chance a Torino.