In un match condizionato fortemente dalle assenze e dagli infortuni (Santon e Candreva hanno lasciato il campo prima della fine del primo tempo), Inter e roma impattano a San Siro a reti inviolate. I nerazzurri restano ancora in vetta solitaria in classifica ma bisognerà capire cosa accadrà all'Olimpico tra Lazio e Juventus. Inter che ha avuto le occasioni da gol più evidenti ma Mirante si è superato in almeno un paio di interventi plastici lasciando la Roma sempre nel match.

Inter e Roma con tanti infortunati

A San Siro l'Inter primatista e con i cerotti ospita la Roma di Fonseca in recupero per la Zona Champions. Anche i giallorossi vantano una nutrita schiera di giocatori assenti, tra cui anche Dzeko influenzato e in panchina. Conte non ha il centrocampo: Barella, Gagliardini, Sensi sono out, spazio forzato a Borja Valero al fianco di Brozovic e Vecino. Per i giallorossi, in avanti c'è il solo Zaniolo, mentre Perotti, Pellegrini e Mkhitaryan sono di supporto.

Occasione Lukaku: super Mirante

L'avvio è tutto nerazzurro: Lukaku e Lautaro scaldano subito San Siro con due occasioni chiare da gol nei primi 10 minuti, spaventando la difesa giallorossa e impegnando da subito Mirante, al posto di Pau Lopez, indisponibile.

La Roma in possesso, Inter sorniona

La prima parte del primo tempo è però di stampo giallorosso: possesso, passaggi e gioco è in mano alla Roma sebbene l'Inter non soffra mai davvero la pressione giallorossa. Ritmi bassi, con l'Inter che si limita a disfare le trame avversarie senza avere l'intenzione di forzare i tempi.

Brozovic, occasione d'oro

L'ultima parte del primo tempo torna a essere tinta dai colori nerazzurri con la difesa giallorossa che si aggrappa come può a Smalling e Mirante che salvano in diverse occasioni la propria porta fermando Lukaku e Lautaro. Poi, quando è Brozovic ad avere allo scadere la palla del possibile vantaggio, il croato spara altissimo sopra la traversa.

Vecino-Lautaro occasioni da gol

Il secondo tempo parla nerazzurro con l'Inter che ha le maggiori occasioni da gol, create soprattutto da parte di uno scatenato Lautaro Martinez che in un paio di occasioni sfiora la rete del vantaggio. C'è anche Vecino che ci prova, ma Mirante è in serata e si esalta nel tenere inviolata la propria porta.

Roma di rimessa, c'è anche Dzeko

La Roma si limita a reagire di rimessa provando a salire con tutto il proprio organico, aumentando il proprio peso in area nerazzurra inserendo un convalescente Dzeko al centro dell'attacco. Ma anche l'Inter non corre rischi particolari, riuscendo a frenare l'impeto giallorosso soprattutto in mediana.

Forcing nerazzurro

Nel finale l'Inter prova il tutto per tutto ma la lucidità viene meno e anche in area giallorossa sono troppi gli errori per poter sperare in un successo che confermerebbe la vetta matematica. Bisognerà aspettare cosa accadrà all'Olimpico tra Lazio e Juventus, per sapere se i nerazzurri saranno ancora una capolista solitaria.