La prima giornata di ritorno sorride a Paulo Fonseca. Dopo aver passato il turno in Coppa Italia, il tecnico della Roma ha infatti sbancato Marassi e ritrovato la vittoria dopo le due sconfitte contro Torino e Juventus. Male invece il Genoa, che ha perso l'occasione di lasciarsi alle spalle Brescia e Lecce ed è arrivato a far peggio delle due squadre rossoblù che nel 50/51 e 59/60 subirono 11 sconfitte in 19 partite retrocedendo alla fine del campionato.

Primo tempo di marca giallorossa

Il Genoa cerca punti per staccarsi dal fondo della classifica, la Roma per rifarsi dei due ko con Torino e Juventus e per rimanere in corsa per un piazzamento Champions League. Sul prato del ‘Ferraris' scendono dunque in campo due squadre dagli obiettivi diametralmente opposti e condizionate dagli ultimi risultati. Sta meglio la formazione di Fonseca e le difficoltà per i rossoblù si materializzano già dopo cinque minuti con la rete di Cengiz Under: gol che ‘stappa' la partita e dà il via ad una prima parte di gara di dominata dai giallorossi. Colpita a freddo dal gol dell'attaccante turco, la gradinata Nord, tempio del tifo genoano, si scalda infatti solo dopo la mezzora.

La prima risposta al dominio dell'avversario, i ragazzi di Nicola la costruiscono al 34esimo, ma Pau Lopez è reattivo prima su Pandev e poi su Ghiglione. Nella Roma mancano Florenzi e Kolarov, ma ci sono sia Dzeko, assente in Coppa Italia per squalifica, che Spinazzola dopo la mancata cessione all'Inter. Il bosniaco non sfrutta un'occasione, cosa che invece riesce al laterale giallorosso che costringe Biraschi alla sfortunata deviazione per il raddoppio romanista. Un minuto dopo il 2-0 la difesa e il portiere di Fonseca vanno però in bambola e lasciano spazio a Pandev. Il quinto gol stagionale del macedone manda così le due squadre negli spogliatoi sul risultato di 2-1

Dzeko approfitta dell'errore di Perin

Al ritorno in campo dopo l'intervallo, il Genoa prova a rimettere in piedi la partita con un atteggiamento più aggressivo e con lo stesso undici, che vede Sanabria far coppia in attacco con Pandev. L'avvio di ripresa è intenso e regala due grandi emozioni: sulla prima è bravo Perin a dire di no a Santon, sulla seconda è invece miracoloso Pau Lopez che nega il pareggio a Goldaniga, oggi in campo al posto dello squalificato Criscito. Marassi ruggisce e la sua spinta aiuta i padroni di casa a prendere possesso della partita e costruire altre due azioni da gol con Barreca e Sanabria.

La beffa rimane comunque dietro l'angolo e arriva inesorabile ad un quarto d'ora dal termine. Nel momento migliore dei liguri, Perin sbaglia il rinvio e regala a Pellegrini l'opportunità di servire a Dzeko l'assist del 3-1. Il grave errore del capitano, fino a quel momento uno dei più positivi, è il sigillo finale alla sconfitta e accompagna la partita fino al novantesimo quando l'arbitro Maresca fischia tre volte per certificare il successo della Roma e il dodicesimo ko in campionato di un Genoa sempre più in crisi.

Il tabellino

Genoa (3-5-2): Perin; Biraschi, Romero, Goldaniga; Ghiglione, Cassata (25′ st Favilli), Schone, Sturaro (47′ st Radovanovic), Barreca; Pandev, Sanabria (41′ st Agudelo). A disposizione: Ankersen, Behrami, Destro, El Yamiq, Jagiello, Marchetti, Pajac, Pinamonti, Radu. Allenatore: Nicola

Roma (4-2-3-1): Pau Lopez; Spinazzola, Mancini, Smalling, Santon (39′ st Cetin); Veretout (28′ st Cristante), Diawara; Under (43′ st Bruno Peres), Pellegrini, Kluivert; Dzeko. A disposizione: Fuzato, Jesus, Kalinic, Cardinali. Allenatore: Fonseca

Arbitro: Maresca di Napoli

Marcatori: 6′ pt under (R), 44′ pt aut. Biraschi (R), 45′ pt Pandev (G), 29′ st Dzeko (R)

Note: Ammoniti: Romero, Cassata (G); Veretout, Dzeko, Pau Lopez (R). Recupero: 0′ e 5′