Il trasferimento di uno dei migliori giovani in circolazione della Serie A sta facendo molto discutere: Dejan Kulusevski è diventato in questa sessione invernale di mercato un nuovo giocatore della Juventus ma fino a fine stagione continuerà a vestire i colori del Parma. Una scelta che non ha trovato il benestare bianconero ma che Paratici e Sarri hanno dovuto loro malgrado accettare, assecondando la volontà del giocatore che non ha voluto cambiare a campionato in corso. A rivelare il retroscena è stato  il direttore sportivo del Parma Daniele Faggiano

La rivelazione di Faggiano: "Non ha voluto la Juve subito"

Proprio a conclusione della partita di  campionato (posticipo del lunedì) vinta sul Lecce senza problemi, Faggiano non si è tirato indietro alle domande riguardanti il giocatore, protagonista fino a questo momento di uno dei trasferimenti principali di questa sessione invernale: "Siamo stati fortunati a trovare un ragazzo intelligente, con la testa sulle spalle che non si è fatto prendere dal momento. Come io ho detto che lui sarebbe rimasto fino a giugno, così lui ha rifiutato di andare alla Juve già da adesso rispettando il nostro accordo”

Kulusevski punto di riferimento del Parma di D'Aversa

Una scelta di responsabilità e di rispetto verso un club che lo ha sempre trattato con i guanti gialli, vedendo in lui un talento che poi è stato certificato dall'interesse dei campioni d'Italia. Non a caso Kulusevski è stato titolare anche del Monday Night della 19a giornata di Serie A. Nel posticipo tra Parma e Lecce gli occhi erano tutti puntati su di lui. Lo svedese, preso dalla Juventus e lasciato in prestito in gialloblù fino a giugno, è partito titolare per la ventesima volta in questa stagione. Un punto di riferimento costante per D?Aversa che lo ha fatto giocare sempre dal primo minuto. E' subentrato una volta sola nel 4° turno di Coppa Italia contro il Frosinone giocando negli ultimi 20′.