Oleg Gusev, capitano della Dinamo Kiev, ha rischiato al morte. A salvargli la vita è stato il difensore del Dnipro, Jaba Kankava, che con un intervento di pronto soccorso ha evitato che da uno scontro di gioco involontario scaturisse una tragedia. L'episodio è successo durante una partita del campionato ucraino: azione concitata nell'area del Dnipro, il portiere Denis Boyko esce in presa ma Gusev va a sbattere contro il suo ginocchio, crolla e perde i sensi. Resta a terra, non si muove. Kankava si accorge che la situazione è grave e corre accanto all'avversario: gli apre la bocca e tira fuori la lingua, evitando così che muoia soffocato. Poco dopo, grazie anche all'aiuto dello staff medico, Gusev riprende i sensi, si rialza. Condotto in ospedale, viene sottoposto ad accertamenti: trauma cranico, mascella lesionata e un dente perso. Ma è ancora vivo. E il ricordo va a quanto accadde nel 2007: Antonio Puerta morì prematuramente per arresto cardiaco durante il match col Getafe. Qui da noi, in Italia, ancora piangiamo la morte di Morosini.