Simon Kjaer sarà un giocatore del Milan. Tra Siviglia, giocatore, Atalanta e rossoneri si è tutti d'accordo nel far cambiare casacca al difensore che a Bergamo ha conosciuto solo amarezze malgrado l'ottimo avvio di stagione della Dea di Gasperini. Dunque, si metterà a disposizione di Pioli sin da questa sessione di mercato, andando ad arricchire il reparto arretrato del Diavolo. Le ultime indiscrezioni danno il giocatore in rossonero con la formula del prestito semestrale e quindi fino al giugno del 2020. Mister Pioli avrà quindi il difensore richiesto dal calciomercato proprio nella conferenza stampa alla vigilia della sfida col Cagliari, in cui aveva sottolineato la necessità di un inserimento ulteriore davanti a Donnarumma.

Prestito fino a fine stagione

Kjaer era il volto triste di un'Atalanta vincente: sempre ai margini del progetto tecnico della Dea, ha giocato poco restando sempre in disparte e mai convincendo in pieno Gasperini, fino all'attuale consensuale separazione. Il Siviglia – che è il club proprietario del cartellino del calciatore – ha accettato che l'attuale prestito con l'Atalanta si chiudesse per aprirne uno uguale con il Milan.

Al Milan se la gioca con Musacchio e Romagnoli

Una situazione definita dal difensore "insostenibile" per la quale l'unica soluzione era la separazione e trovare una nuova squadra. In nerazzurro Kjaer in questa stagione ha collezionato solo 6 presenze (5 in campionato e una in Champions) per un totale di 381 minuti. L’ultima apparizione in Serie A risale allo scorso ottobre mentre al Milan avrà più possibilità di mettersi in mostra. Ci sono Musacchio e Romagnoli ma Duarte è infortunato e Caldara verrà ceduto, dunque per l'oramai ex Atalanta ci saranno maggiori possibilità di scendere in campo e dare una mano al rilancio personale e del club rossonero.